MotoGP, Livio Suppo: “L’elettronica è il problema da risolvere”

Livio Suppo
Livio Suppo (© Getty Images)

Il primo test di Sepang ha fatto evidenziare le lacune della Repsol Honda con Marc Marquez e Dani Pedrosa che hanno chiuso la terza giornata malesiana rispettivamente in quinta e undicesima posizione. Ma Livio Suppo è fiducioso e ritiene che HRC stia procedendo nella giusta direzione.

Dal 17 al 19 febbraio la MotoGP ritorna in pista per la seconda sessione di test ufficiali 2016 e il team Honda ha la priorità assoluta di gestire meglio l’aggressività del motore. Un neo legato in gran parte alla nuova centralina unica Magneti Marelli imposta dal regolamento e il gap con Yamaha supera abbondantemente il secondo. Ma ai box della casa giapponese regna massima serenità in vista delle prove a Phillip Island della prossima settimana.

Occhi puntati sulla centralina unica che sembra essere il nodo da sciogliere per consentire di colmare quanto prima il gap con il team di Iwata: “Di sicuro il più grande problema che dobbiamo risolvere è quello di adattare la nuova elettronica con il nostro motore. Ma in questi tre giorni abbiamo imparato molto – ha confessato Livio Suppo a Crash.net -. E preso alcune misure ragionevoli. C’è ancora spazio per crescere e nel prossimo round andrà molto meglio… Non sono un tecnico, ma cercheremo di lavorare sull’hardware. Credo che in questo momento il distacco da Jorge e Vale abbia molto a che fare con l’elettronica”.

Nessun dubbio sul telaio della Honda RC213V che resta invariato, nonostante Marc Marquez abbia confrontato quello del 2014 con una versione del 2015: “Marc ha fatto una prova di fondo, diciamo, con il telaio standard del 2015. Perché con il cambio del pneumatico volevamo capire se ci potesse essere qualche vantaggio o meno. Credo che lo metterà alla prova di nuovo a Phillip Island. Ma al momento il telaio non è un grosso problema. La preoccupazione principale – ha concluso il team principal della Honda – è legato all’elettronica”-