Moto3, Andrea Locatelli: “Voglio stare sul podio”

Andrea Locatelli
Andrea Locatelli photo Facebook

Il team Leopard Racing di Andrea Locatelli ha voluto anticipare i tempi ed ha portato a termine una due giorni di test privati sul circuito di Montmelò. Dopo la vittoria del titolo iridato in Moto3 con Danny Kent il team sembra non essere sazio, dimostra di voler confermare il primato e anticipa tutti gli avversari scendendo subito in pista in attesa del test di giovedì a Valencia.

Quest’anno il tridente d’attacco sarà formato da Fabio Quartararo, Joan Mir e Andrea Locatelli che al Montmelò hanno provato la nuova KTM RC 250 GP, considerato l’asso nella manica per bissare il titolo mondiale. Tecnici e piloti hanno lavorato duramente per fare confronti di assetto e trovare il set-up ideale per cominciare subito davanti la prossima stagione ormai alle porte.

“Ieri è stata la prima volta che montavo in sella dopo parecchi mesi a causa del mio infortunio – ha dichiarato Andrea Locatelli -. Per me è tutto nuovo: la moto, il team e l’ambiente. Mi sto adattando pian piano e sto prendendo fiducia. Ieri abbiamo lavorato molto sul freno motore perché facevo un po’ fatica a inserirla in curva. Oggi, invece, abbiamo fatto già un bel passo avanti. Restiamo concentrati sull’assetto, stiamo provando diverse soluzioni per migliorare l’uscita dai curvoni veloci e spingere subito – ha spiegato il 19enne pilota bergamasco -. Forse si l’anteriore è un po’ troppo instabile, mentre la trazione c’è!”. Giorni fa durante un evento promozionale per il marchio Kyt Europe il giovane pilota italiano ha fissato i suoi obiettivi: “E’ presto per parlare di obiettivi e di numeri, ma io voglio stare sul podio per quanto possibile.

Prima volta in sella alla KTM anche per Fabio Quartararo: “E’ andata abbastanza bene ma le condizioni della pista e il vento forte non mi hanno permesso di esprimermi al meglio. Mi sto adattando in fretta, ogni istante continuo ad imparare qualcosa in più di questa moto, nonostante le condizioni non siano ideali. Ci aspettano altri giorni di test per migliorarla e acquisire maggior confidenza. Il feeling con gli ingegneri e i meccanici è importante. Abbiamo fatto diverse modifiche ma credo che a Valencia potremo migliorare tanto”.

Joan Mir pensa di aver trovato già un buon assetto in vista del test di Valencia in programma giovedì: “In realtà le condizioni ambientali ci hanno un po’ rallentato: la pista era molto sporca e in più si è alzato il vento che ci ha impedito di spingere al massimo. Abbiamo provato diverse soluzioni; credo che abbiamo già una buona messa a punto per il prossimo test, giovedì a Valencia. Già oggi ho notato molti miglioramenti rispetto a ieri soprattutto sull’anteriore, in entrata e in percorrenza di curva. Dobbiamo continuare in questa direzione”.