MotoGP Yamaha, Massimo Meregalli: “Valentino Rossi è molto fiducioso”

Valentino Rossi (© Getty Images)
Valentino Rossi (© Getty Images)

 

 

 

 

 

 

 

 

Il team manager della Yamaha Massimo Meregalli era tormentato da forti dubbi prima dei test che si sono disputati nei giorni scorsi a Sepang. L’ottima performance di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, però, l’ha positivamente sorpreso, anche se “le condizioni meteo non ci hanno consentito di svolgere il lavoro programmato”.

 

Un nuovo mood

Com’è noto, per il team Yamaha il round di test a Sepang doveva servire soprattutto a sondare le novità della moto 2016. Una decisione finale non è stata presa, confida Massimo Meregralli a motogp.com, “ma sappiamo all’80 per cento con quale moto vogliamo iniziare la stagione”. “Purtroppo – aggiunge il tecnico – dobbiamo aspettare altre due settimane, perché la decisione sarà presa solo a Phillip Island”.

Jorge Lorenzo è attualmente il pilota più veloce sulla nuova unità di pneumatici Michelin. “Devo dire che la Michelin ha fatto un lavoro fantastico” dichiarato al riguardo Meregalli. “Dopo il test di Valencia l’impressione rispetto alle Bridgestone era molto diversa, ma a Sepang si è avuto fin dal primo giorno un buon feeling. Jorge ha detto più volte che ha molta fiducia nella possibilità di ulteriori miglioramenti”.

“Sono rimasto sorpreso – ha poi rimarcato l’esperto – dalla bravura dei nostri ingegneri giapponesi nella fase di personalizzazione del software. Per quanto riguarda le gomme, il primo tentativo non a Valencia non era stato un granché. Ho avuto dei dubbi prima di venire a Sepang, ma dopo l’inizio dei test i miei dubbi sono immediatamente scomparsi”.

Valentino è “stato staccato” di quasi un secondo da Jorge. Come è potuto accadere? “Innanzitutto Valentino di solito non spinge al cento per cento nei test. Come ha detto Jorge, le gomme forniscono ora una sensazione decisamente migliore, ma nei suoi giri più veloci Valentino ha commesso un errore nell’ultima parte del percorso. E questo gli è costato qualche decimo”. “Ma lui – precisa Meregalli – è molto fiducioso. Per noi era molto importante ottenere quante più informazioni possibile dalla prova di Sepang. Pertanto, stiamo già preparando il test di Phillip Island con uno spirito ben diverso”.