MotoGP Sepang, Davide Brivio: “Suzuki lavora sull’elettronica”

Davide Brivio
Davide Brivio (© Getty Images)

La Suzuki si aspettava risposte migliori dai tre giorni di test a Sepang. Nell’ultima giornata in Malesia ha piazzato Maverick Vinales 10° a oltre 1″6 da Jorge Lorenzo e Aleix Espargaro 12° a poco più di 2″ dal leader stesso.

La scuderia di Hamamatsu deve ancora lavorare tanto, ma rimane comunque fiduciosa per i prossimi test e per l’inizio del campionato. L’obiettivo è ottenere risultati migliori rispetto al 2015 cercando al contempo di ridurre il gap rispetto alla Yamaha, che adesso sembra però imprendibile, e alla Honda.

 

Suzuki, il punto di Davide Brivio

Davide Brivio, team manager della Suzuki, ai microfoni di Sky Sport MotoGP ha fatto un po’ il resoconto di questi tre giorni in Malesia spiegando su cosa deve concentrarsi il lavoro della squadra: “Non siamo pienamente soddisfatti. Abbiamo molta carne al fuoco, soprattutto elementi importanti come motore, telaio, cambio seamless. Quello che ci sta più preoccupando di più e su cui siamo concentrati è l’elettronica. Serve molto lavoro, dobbiamo ancora trovare i parametri giusti per questo software unico. Il grande lavoro che abbiamo fatto a Sepang e che ci aspetta nei prossimi giorni di test prima della gara è orientato su questo. Fino a quando l’elettronica non lavora in modo ottimale, è anche più difficile giudicare motore e telaio”.

Infine Davide Brivio ha fatto un commento anche sulle concorrenti: “Tra Honda e Yamaha sicuramente la prima è più un difficoltà, anche di un bel po’. Mentre la Ducati è un po’ più a posto degli altri”. La Suzuki in questo momento sembra essere la quarta forza del campionato, ma c’è ancora tempo per fare progressi. I vertici del team giapponese hanno detto in passato di essere tornati in MotoGP per vincere e se l’obiettivo è questo ci dovranno essere step di sviluppo importanti ancora sulla moto. Poi anche i piloti dovranno metterci del loro, anche se nessuno tra Aleix Espargaro e Maverick Vinales è un campione esperto che può indirizzare in una certa maniera la squadra.