MotoGP, Loris Capirossi: “Valentino, dimentica il 2015”

Loris Capirossi
Loris Capirossi (©Getty Images)

Loris Capirossi è stato un apprezzato pilota del Motomondiale e da tempo ricopre l’incarico di consulenza della sicurezza della MotoGP Dorna Sports. Nel paddock la sua opinione viene considerata molto autorevole e non a caso Motorsport.com è andato ad intervistarlo.

Si è parlato in primis di Valentino Rossi e di quanto avvenuto al termine del campionato 2015 con Marc Marquez e Jorge Lorenzo. Sembra che il pilota di Tavullia non abbia dimenticato: “La cosa migliore per tutti è quello di dimenticare tutto e concentrarsi su di quest’anno, è il mio consiglio per tutti i piloti. Vale deve voltare pagine. Aver deciso di continuare a correre è una grande motivazione ed è anche in ottima forma, ma lui deve dimenticare e concentrarsi sulla moto”.

A Loris Capirossi viene anche chiesto se riesce a capire le due versioni dei fatti, quella pro-Rossi e quella pro-Marquez: “Certo che posso. Valentino ha avuto una grande stagione, dalla prima gara in cui ha preso il comando, ed è rimasto lì fino a Valencia, dove ha perso il titolo. Ma Marc, d’altra parte, probabilmente sentiva la colpa per qualcosa che non aveva niente a che fare con lui”.

Il consulente Dorna smentisce poi l’esistenza di una regola non scritta che dica che un pilota non in lotta per il titolo non debba interferire su chi invece se lo contende: “Non esiste, ma la cosa più importante è il rispetto tra i piloti. E’ importante per andare d’accordo con chi condivide la pista con te e per loro rispettare allo stesso modo ci si aspetta che il rispetto di te”.

Per quanto riguarda Valentino Rossi ci si chiede se a 37 anni possa ancora giocarsi la possibilità di diventare campione del mondo MotoGP. Loris Capirossi ha le idee chiare in merito: “Nel 2015 Valentino è stato spaventoso e ho la sensazione che quest’anno sarà molto veloce. Le modifiche introdotte quest’anno sono una motivazione per lui. Tutto dipenderà dalla fame che avrà. Ha ancora un paio di anni buoni davanti, ma dipenderà da ciò che accade nel 2016. “