MotoGP Sepang, Valentino Rossi: “In frenata ci sono problemi”

Valentino Rossi (© Getty Images)
Valentino Rossi (© Getty Images)

 

Il martedì di test a Sepang si è chiuso per Valentino Rossi con il 6° posto in classifica: un risultato che sconta (almeno in parte) l’effetto-sorpresa creato dalla caduta di Loris Baz e vede il Dottore “staccato” di ben quattro posizioni dal team mate Jorge Lorenzo. “Al momento, io preferisco la moto più simile a quella del 2015”, è il commento del Campione di Tavullia al termine della prova raccolto dai colleghi di Speedweek.

“La versione 2016 ha aspetti positivi, ma in frenata ci sono problemi – ha aggiunto – . Mercoledì userò comunque ancora questa moto. Non c’è fretta. Per me, sarà interessante guidare la nuova macchina a Phillip Island. Ma attualmente preferisco quella più simile alla versione 2015”.

 

Work in progress

Intanto, non c’è dubbio che le gomme Michelin siano state migliorate dopo il test di Valencia. Questo ha inciso in qualche modo sulla configurazione del telaio della Yamaha? “Sì – risponde Valentino Rossi – . Sin dall’anno scorso il telaio è stato modificato sulla base degli pneumatici Michelin. Ora le gomme sono migliorate. Pertanto, potremmo non avere bisogno di modifiche. Questa è la situazione attuale”.

La nuova Yamaha è più potente rispetto a quella del 2015? “Mah. Per me, ha un po’ più di potenza, ma la velocità è abbastanza simile – spiega il Dottore – . Questo è interessante, perché sappiamo che non abbiamo ancora raggiunto la nostra velocità massima rispetto alla Honda e Ducati”. “La velocità massima – aggiunge – è un grosso problema, non possiamo più soffrire come abbiamo fatto finora. L’anno scorso è stato l’unico punto debole delle nostre moto. Ma credo che a tale proposito dovremo aspettare la prima gara”.

Valentino spera in un aumento della potenza per aumentare la velocità massima e azzarda che “forse possiamo colmare il divario con la Ducati”. Quanto alla Honda, “dobbiamo vedere quanto può migliorare”.

Quanto all’incidente di Baz, “se ti ci metti a pensare, è meglio che ti metti in panchina o te ne torni a casa”, dice Valentino, perché “questa è una delle cose più pericolose che possono accadere”. Ma “Loris è stato molto, molto fortunato” e “la cosa più importante ora è che la Michelin capisca cosa è successo”.

Infine un accenno all’eterna competizione con il compagno di squadra maiorchino. “Jorge è davvero molto, molto veloce – riconosce il Pesarese – . Anche oggi è stato più veloce con le gomme dure”. Ma, come diceva quel tale, domani è un altro giorno…