MotoGP, Cal Crutchlow: “Mi schiero con Valentino Rossi”

Cal Crutchlow
Cal Crutchlow (© Getty Images)

Cal Crutchlow si appresta a correre la seconda stagione con la Honda LCR dopo l’8° posto del 2015. Lunedì prossimo a Sepang scenderà in pista con la vecchia moto, ma conferma la massima fiducia nei tecnici HRC e ritorna a parlare sulle vicende di Sepang: “Mi schiero con Vale”.

Il pilota britannico ha trascorso l’inverno sull’Isola di Man dopo aver terminato il test di Valencia a novembre. Dall’1 al 3 febbraio si ritornerà in pista in Malesia, ma purtroppo i tecnici della Honda non sono riusciti ad allestire la nuova moto del 2016 e quindi dovrà provare con la vecchia ‘edizione’.

“Ovviamente sono un po’ deluso di dover iniziare i primi due test con la moto dell’anno scorso – ha detto in Crutchlow un’intervista a Crash.net -. Ma devo accettarlo. So che la Honda sta lavorando sodo in fabbrica per fare un pacchetto che sarà competitivo nella parte anteriore della MotoGP. In casa Honda hanno lavorato per preparare la moto di Dani e Marc prima di tutto”.

Deluso sì, ma non scoraggiato e non perde l’ottimismo. Nel 2015 il motore era troppo aggressivo e di certo in azienda si lavora sodo per risolvere anche questo problema, oltre che alle nuove gomme e alla centralina unica: “Abbiamo bisogno di concentrarci sul pneumatico anteriore. La Honda è così difficile sul pneumatico anteriore e la Bridgestone era un pneumatico ‘forte’, mentre la Michelin è più morbida. Quindi potete immaginare che ci accingiamo a lavorare sul pneumatico anteriore ancora di più e potrebbe rendere le cose più difficili per noi… Tutto quello che so è che stanno dando il 100%”.

Difficile al momento fare pronostici senza aver testato le nuove moto con le novità imposte dal regolamento, ma secondo Cal Crutchlow potrebbero esserci delle sorprendenti novità: “Se la Honda esce con un pacchetto davvero competitivo, Dani Pedrosa è l’uomo giusto per il campionato perché stressa di meno la gomma anteriore e conosce bene le Michelin. Non prende rischi… Ma onestamente ci sono tanti ragazzi che sono in grado di competere. Penso che anche Iannone possa lottare per il titolo”.

 

La vicenda Rossi vs Marquez

Le polemiche scaturite dopo il GP di Sepang non accennano ad estinguersi, come dimostrato durante la presentazione della Yamaha, e del resto sono passati meno di tre mesi. Una vicenda che potrebbe ripercuotersi in modo sensazionale anche nella prossima stagione: “Penso che come nelle migliori rivalità sportive al mondo qualcosa di simile accade di tanto in tanto. Ho sempre detto che no ho commenti sull’accaduto. Non cambia la mia vita. Ma ovviamente io lavoro con Marc e la Honda. Condividiamo dati, riunioni, briefing. Quindi so il modo in cui guida, il suo carattere e i suoi modi”, ha detto Cal Crutchlow.

“D’altra parte io sono amico di Valentino. E’ probabilmente il più grande pilota mai salito su una MotoGP e quello che ha fatto nel corso degli anni è stato superbo. Quindi io non prendo le parti. Ma se dovessi, mi piacerebbe schierarmi con Valentino, perché la maggior parte del mondo lo fa – scherza il britannico -, quindi è la scommessa più sicura!”.