Audi gialla, la “pista” del piede di porco (VIDEO)

(foto Twitter)
(foto Twitter)

 

Dopo il ritrovamento dell’Audi gialla nel Trevigiano, spuntano altri indizi e dettagli attraverso i quali gli investigatori sperano di risalire all’identità dei tre misteriosi “banditi” che nelle ultime settimane hanno seminato il panico nel Nord-Est dell’Italia con le loro scorribande a folle velocità.

Poche ora fa, in particolare, si è appreso che i Ris di Parma hanno trovato un piede di porco tra i resti carbonizzati del “bolide” ritrovato su una rampa in aperta campagna tra Asolo e One’ di Fonte, al confine tra le province di Treviso e Vicenza.

 

Una possibile svolta

I misteriosi banditi dell’Audi gialla hanno cercato di distruggere qualsiasi traccia che avrebbe permesso agli investigatori di risalire fino a loro, dalle impronte digitali ai residui di sudorazione o materiale organico contenente Dna, ma a quanto pare qualcosa è rimasto.

Come scrive il Gazzettino, si è aperto uno “spiraglio investigativo” grazie al lavoro dei Ris di Parma, che hanno già iniziato a analizzare i resti della vettura. “Nella carcassa dell’auto i Ris hanno scoperto un piede di porco lasciato nel bagagliaio: e qui potrebbero esserci delle impronte digitali”, spiega il quotidiano veneto.