Patente rinnovata a 103 anni: nuovo “record” italiano

(foto dal web)
(foto dal web)

 

103 anni e non sentirli… neppure al volante. Ha fatto notizia in queste ore la storia di Giovanni Rozzo, classe 1912, nato in provincia di Olbia-Tempio, ad Arzachena, ma da tempo residente a Cambridge, in Inghilterra, che si è visto rinnovare la patente nonostante l’età ultracentenaria. “Fino al 2018 sono a posto”, dice.

 

Una piccola star

Alla veneranda età di 103 anni, Giovanni Rozzo non solo è ancora perfettamente lucido e autonomo, ma ha appena rinnovato la patente e guida ancora la sua auto, una Mitsubishi Lancer blu elettrico. “È a piedi che ho dei problemi” ha confessato l’arzillo signore al Corriere della Sera, assicurando di non avere neppure bisogno degli occhiali: “Finché vedi bene – parola sua – la striscia bianca non ci sono problemi”. E poi “in auto sto benissimo, vado dappertutto”. Non a caso nella sua carriera di autista ha preso solo due multe e non ha mai fatto incidenti.

La prima patente Rozzo l’ha presa in Italia, a 21 anni. Per i giornali d’Oltremanica è una piccola star, il “più anziano possessore di patente in Gran Bretagna”, hanno scritto, assicurando però che quando si fa sera la sua Mitsubishi resta chiusa in garage. Quest’ultimo rinnovo della licenza di guida lo rende fiero quasi quanto il titolo di Cavaliere ricevuto dallo Stato italiano anni fa per l’aiuto dato ai migranti che alla spicciolata, dagli anni Cinquanta in poi, arrivarono nel terra di Shakespeare subito dopo di lui.

Quanto a lui, ha fatto il militare in Italia, il domestico nella campagna inglese, il ferroviere per la Royal Rail, il lattaio, e infine il venditore di gelati (“americani, però”) – sei camioncini in tutto, diventati un’istituzione in questa città universitaria. “Per 18 anni ho parcheggiato davanti al Kings College, ho visto passare un sacco di gente che oggi è importante”, dice. Ha smesso solo a 82 anni.

Il suo bolide giapponese è custodito gelosamente in garage: “una bomba, pagata usata 425 sterline nel 2007”, racconta. Altri tempi…