MotoGP, Dani Pedrosa: “A Sepang per fare meglio di Jerez”

Dani Pedrosa (Getty Images)
Dani Pedrosa ( © Getty Images)

Dani Pedrosa e Marc Marquez sono scesi in pista sul circuito Castellolì, a Barcellona, ma non ancora in sella alle loro RC213V. I due piloti spagnoli hanno testato la Honda Civic TypeR, un piccolo bolide da 310 CV in occasione di un evento promozionale, dove hanno parlato anche del prossimo Mondiale di MotoGP.

Il Motomondiale 2016 si preannuncia all’insegna dell’incertezza per i team della classe regina, che dovranno fare i conti con gli pneumatici del nuovo fornitore Michelin e con la centralina unica. Due novità regolamentari che potrebbero ridurre il gap tra big e inseguitori e che costringerà ad una folle corsa all’adattamento, visto che qualcosa dovrà cambiare nello stile di guida dei piloti.

“Dopo l’ultimo test a Jerez (a novembre, ndr) abbiamo dovuto fare alcune modifiche, abbiamo provato il motore, l’elettronica, le gomme… poi siamo andati in Giappone (a dicembre), ho visto gli ingegneri, ma erano ancora troppo occupati nell’analisi dei test precedenti – ha detto Dani Pedrosa -. Così ora aspettiamo ulteriori progressi a Sepang, il test team si sta allenando in questi giorni su quel circuito e avremo un po’ più di informazioni sulle modifiche che sono state apportate alla moto. Ma fino a quando non si sale in sella è difficile da dire, siamo ansiosi di vedere se siamo in grado di fare meglio del test di Jerez”.

Sarà importante capire a che punto sono gli avversari, a cominciare dalla Ducati, che potrebbe rappresentare un’autentica spina nel fianco dopo la buona stagione 2015. Ma da quest’anno le qualifiche saranno leggermente diverse e saranno premiati davvero i migliori, visto che non ci saranno più vantaggi sull’adozione di gomme super morbide: “Quest’anno nessuno avrà una gomma più morbida per le qualifiche, per cui la griglia sarà determinata sui più veloci. A volte hai avuto difficoltà nei primi giri per sorpassare altri piloti che avevano fatto un buona qualifica”.

A tenere banco durante la conferenza stampa è anche il capitolo Casey Stoner, il collaudatore Honda passato alla Ducati dopo i malumori della scorsa stagione e le recenti dichiarazioni piccanti dell’australiano, deluso dal comportamento dei vertici HRC. Ma Dani Pedrosa cerca di glissare l’argomento, anche per rispetto della profonda amicizia che lega i due atleti: “Non c’è molto da dire, credo che si divertirà provando le moto e il loro sviluppo. Non so che intenzioni abbia con la Ducati. Ma per quanto mi riguarda ho intenzione di concentrarmi sul mio campionato. Ovviamente, se alla fine decide di correre una gara, o no, vedremo. E certamente crea molta attesa”.