Valentino Rossi
Valentino Rossi (©getty images)

 

Manuel Poggiali, due titoli mondiali in tasca (nel 2001 in classe 125 e nel 2003 in 250) è senza dubbio uno dei motociclisti che hanno segnato la storia delle due ruote, soprattutto nel nostro Paese. La sua carriera eccezionale (lo chiamavano “il nuovo Valentino Rossi“) è forse finita troppo prematuramente, ma resta comunque impressa nell’immaginario collettivo. Oggi il sammarinese classe 1983 non corre più a livello agonistico, ma è sempre in sella grazie alle tante attività portate avanti con Ducati, a partire dal DRE, il corso ufficiale della Casa di Borgo Panigale, ed è un attento osservatore del mondo del motociclismo sportivo.

Tra i suoi interessi c’è ovviamente la MotoGP, la categoria regina protagonista di un campionato 2015 più animato e controverso che mai, e già avviata a un 2016 se possibile ancor più appassionante, con una
nuova sfida per il titolo iridato fra il campione in carica Jorge Lorenzo, il Dottore nuovamente a caccia del decimo titolo e un Marc Marquez desideroso di riscatto dopo un 2015 horribilis per i suoi standard.

 

Le “previsioni” per il 2016

Come si dipanerà nel 2016 il duello tra la Honda e la Yamaha? E quale sarà il ruolo della Ducati nella partita? Come e quanto peseranno l’arrivo delle gomme Michelin e le novità per l’elettronica? Di tutto questo Manuel Poggiali ha parlato in un’intervista esclusiva a IlSussidiario.net.

A suo avviso, quest’anno non si assisterà a un remake del duello tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. “Secondo me dovrebbe inserirsi di nuovo la Honda – afferma Poggiali – , non saranno solo loro due a lottare per il titolo mondiale”. Dunque Marc Marquez “potrebbe vincere il titolo e dominare la prossima stagione, mi sembra in questo senso il pilota più accreditato”, mentre Dani Pedrosa “potrà disputare delle ottime gare, con diverse vittorie. Non penso invece che potrà essere in grado di conquistare il titolo”.

Il suo pilota favorito è il Fenomeno di Cervera, ma “come italiano sarei contento naturalmente se fosse Valentino Rossi ad aggiudicarsi il Mondiale”. Quanto alla Ducati, “potrebbe disputare un buon Mondiale, magari vincere alcune gare, ma non penso che potrà essere in grado di conquistare il titolo”. Detto questo, “la Ducati l’anno scorso era una moto nuova, adesso si potrà lavorare meglio e potrebbero guadagnarne sia [Andrea] Iannone che lo stesso [Andrea] Dovizioso”.

Poggiali ricorda poi che nel 2016 “l’elettronica dovrebbe portare a un maggiore livellamento, per quanto riguarda l’utilizzo delle gomme Michelin vedremo chi riuscirà ad approfittarne maggiormente”. E conclude con l’auspicio che si plachino una volta per tutte le polemiche, “per parlare finalmente di MotoGp, di gare e non di polemiche che non fanno e non hanno fatto certo bene a questo sport”. Noi di Tuttomotoriweb non possiamo che condividerlo.