MotoGP 2016, Stefan Bradl alla ricerca del riscatto

Stefan Bradl
Stefan Bradl (© getty images)

Il pilota dell’Aprilia Stefan Bradl ha chiuso la stagione 2015 con 17 punti ed è consapevole che nel prossimo Motomondiale dovrà fare di più. Il rider tedesco ha lasciato il team Forward Racing lo scorso mese di agosto, in seguito ai problemi giudiziari subiti da Giovani Cuzari, per prendere il posto di Marco Melandri al fianco di Alvaro Bautista.

Il passaggio alla Casa di Noale è servito a dargli nuovi stimoli, ma questi non basteranno da soli per migliorare i risultati: “Una cosa è chiara: devo ritornare nelle migliori condizioni fisiche possibili – ha dichiarato Bradl a Speedweek.com -. Mi sono allenato duramente subito dopo il contratto con Aprilia. Il decimo posto nel GP della Malesia è una prova concreta”.

Il primo obiettivo è migliorare i riferimenti cronometrici con gomme usurate. “Devo adattarmi meglio alle mutevoli situazioni, non importa se è la pioggia o qualsiasi altra cosa. Se cambiano le condizioni della pista durante la gara, allora non devo fare solo il minimo indispensabile, ma devo cambiare me stesso e adattarmi alle condizioni in fretta”, cercando quindi di modificare lo stile di guida.

Dopo un periodo alle prese con la tonsillite Stefan Bradl può tornare ad allenarsi in vista dei primi test IRTA 2016 sul circuito di Sepang, in programma dall’1 febbraio. Quest’anno la concorrenza si preannuncia ancora più spietata, ma qualche vantaggio potrebbe arrivare dal nuovo regolamento, soprattutto con l’ingresso delle gomme Michelin e della centralina unica Magneti Marelli che potrebbero livellare gli equilibri in pista.

“Nessuno sa di preciso cosa accadrà con le Michelin e siamo in condizioni certamente diverse dalle gomme Bridgestone”, ha sottolineato il pilota tedesco dell’Aprilia. E da quest’anno l’infortunio allo scafoide destro rimediato nel GP di Assen, che lo ha costretto a saltare la successiva gara casalinga in Germania, dovrebbe essere smaltito completamente. “Sono certo che alla fine dell’inverno sarà passato del tutto”.