Formula 1, Niki Lauda: “Nessuna alleanza con Ferrari”

Niki Lauda
Niki Lauda (©Getty Images)

E’ tempo di vacanze anche per Niki Lauda, presidente non operativo della Mercedes AMG Petronas, che in questi giorni si trova con la famiglia e alcuni amici sulle Alpi austriache. Il 2016 la sua scuderia si ritroverà a dover fare i conti contro la Ferrari dopo due stagioni vittoriose in maniera sin troppo semplice e per ripetersi ancora una volta Mercedes dovrà sfoggiare il meglio di sè e lavorare in modo perfetto durante questo inverno, per allestire una monoposto ancora più veloce.

Niki Lauda ha il compito di fare da paciere tra i due piloti, Lewis Hamilton e Nico Rosberg, i cui rapporti sono spesso tesi nonostante le proclamazioni di serenità e distensione. E’ lui a mantenere i colloqui con Bernie Ecclestone e a fare da tramite tra la pista e Dieter Zetsche, il presidente del Gruppo, oltre che con gli avversari. Ed entro il 15 gennaio si dovranno presentare le proposte alla Fia per la realizzazione di motori accessibili a tutte le squadre.

“Mercedes, insieme con Ferrari, Honda e Renault ci sta lavorando. In questi giorni c’è un continuo scambio di opinioni, di mail, di proposte – ha raccontato Niki Lauda a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Io mi auguro che si arrivi a qualcosa di concreto e che si passi ai fatti. Stiamo parlando, sia chiaro, della F.1 dal 2018 in poi. Ho sentito che cosa ha detto il presidente Marchionne e non voglio commentarlo perché alla fine conterà solo quello che uscirà dal documento del 15 gennaio”.

Pochi giorni fa Sergio Marchionne ha lanciato la proposta di un motore clienti dai costi contenuti, che Ferrari, Mercedes e altri potrebbero realizzare con i contributi della Fom ma con caratteristiche differenti dai propulsori ufficiali. Ma a tenere banco è anche l’accusa di Bernie Ecclestone secondo cui Mercedes e Ferrari avrebbero intessuto un’alleanza pericolosa per la Formula 1: “Chiariamo una cosa: per la Mercedes, la Ferrari rappresenta una rivale, una grande rivale da battere sempre. Quindi non parliamo di alleanza. Sul piano politico e sui grandi temi, tra le due industrie ci sono interessi combacianti sui quali anche Honda e Renault sono in sintonia”.

Ma in termini di titolo mondiale la Ferrari sarà la rivale più ostica in ottica 2016… “La Ferrari può migliorare sia nel telaio e nell’aerodinamica, sia nella Power Unit in modo più facile rispetto a noi… Noi siamo stati più bravi e focalizzati nello sviluppare prima degli altri il motore ibrido con tutte le sue implicazioni – ha aggiunto Niki Lauda -. Ma a questo punto il margine di miglioramento si è assottigliato. Però abbiamo più esperienza degli altri e sappiamo dove intervenire per tenere il margine che avevamo sino all’ultima gara. Penso che le prime tre corse del 2016 ci diranno come andrà l’intera stagione».