F1, James Allison: “Va mantenuto alto il livello dei sorpassi”

James Allison
James Allison (©Getty Images)

La Formula1 da anni viene criticata per essere uno sport che regala poche emozioni e poca imprevedibilità nei risultati. Soprattutto nel 2014 e 2015 abbiamo assistito a due campionati praticamente già scritti con il dominio della Mercedes e il trionfo nella classifica piloti di Lewis Hamilton, decisamente più forte del compagno Nico Rosberg. Sono in molti a chiedere dei cambiamenti a livello regolamentare per rendere la F1 più spettacolare e competitiva.

In ottica 2017 sono state pensate delle regole che prevedono delle monoposto più veloci di circa 5 secondi con superfici alari di dimensioni maggiori e fondi vettura più ampi per generare più deportanza. C’è chi ha accolto queste novità con dello scetticismo dato che l’incremento del carico aerodinamico rischierebbe di penalizzare i sorpassi, invece di favorirli come sarebbe nelle intenzioni.

James Allison, direttore sportivo della Ferrari, in merito a questo argomento si è così espresso ai microfoni della ESPN: “Penso che quello che ci hanno chiesto di fare è stato quello di rendere le vetture dall’aspetto più aggressivo e molto veloci – le auto di F1 più veloce mai – e di renderle fisicamente più difficili da guidare fisicamente, semplicemente perché le forze G sarà più alta nelle curve veloci – ha spiegato – Penso che le regole soddisfano tutte e tre le richieste, ma ci sarà bisogno di assicurarsi di mantenere il livello di sorpasso in questo sport più o meno dove si trova ora o ad un livello che è ritenuto essere corretto”.

Il tema dei sorpassi è sempre molto sentito, sono le azioni che generano più spettacolo in pista, e James Allison ne è consapevole: “Ci sono dispositivi per farlo. Le due cose principali che accadono sono il degrado degli pneumatici, assicurandosi che le gomme non sono troppo uniformi nel loro comportamento per tutta la gara, e poi le regolazione corretta delle dimensioni del DRS in modo un sorpasso è possibile”.