F1, Jenson Button: “Alonso mi permette di migliorare”

Jenson Button
Jenson Button (©Getty Images)

Jenson Button ha chiuso una delle stagioni di F1 più difficili in carriera, con appena 16 punti conquistati che valgono il 16° posto in classifica al volante della McLaren, dove milita da sei anni. Un po’ meglio del compagno di team Fernando Alonso che di punti ne ha collezionati solo 11.

Nel 2016 il pilota britannico correrà la sua 17esima stagione nel Circus, forse l’ultima, e guarda con fiducia al lavoro della scuderia di Woking che avrà l’arduo compito di evitare altre brutte figure dinanzi ai propri tifosi.

In un’intervista a Top Gear Jenson Button parla dell’ultimo Mondiale chiuso tra tante difficoltà, dopo il debutto del motore Honda che ha deluso le aspettative: “In questa stagione abbiamo testato molte cose. Ho l’esperienza per vincere un campionato del mondo e le gare per la McLaren, ho passato dei bei momenti con la squadra. Ora ho un compagno di squadra che è stato considerato come il miglior pilota in F1 da molti anni e questa è una sfida – ha aggiunto il driver britannico -. Non importa dove siamo sulla griglia di partenza, ho dovuto competere con lui e mi ha consentito di migliorarmi durante tutto l’anno”.

Il lavoro principale di Jenson Button e Fernando Alonso è stato quello di fornire feedback a tecnici e ingegneri della McLaren per migliorare la monoposto e la power unit che nel 2015 ha fatto molti capricci. Ma il prossimo anno si dovrà migliorare ad ogni costo, senza demoralizzarsi ed è previsto un miglioramento dei tempi sul giro fino a 2 secondi: “Il prossimo anno sarà più emozionante. La gente dice: ‘Stai andando a fare la stessa cosa?’ Beh, prima di tutto non è un lavoro normale. Io guido un mostro da 800 CV il che è piuttosto eccitante… penso che abbiamo la possibilità di ottenere podi – ha concluso l’ex campione iridato – e di essere nella mischia”.