Lamborghini Concept S: l’asta milionaria va in bianco

Lamborghini Concept S (foto da worldcarfans.com)
Lamborghini Concept S (foto da worldcarfans.com)

 

Ricordare la Lamborghini Concept S di cui vi avevamo parlato lo scorso luglio? Quello straordinario modello one-off del 2006 era stato messo all’asta presso RM Sotheby’s a New York a un prezzo da capogiro – secondo le indiscrezioni, la cifra oscillava tra i 2,4 e 3 milioni di Dollari – , ma tra gli addetti ai lavori si mormorava che non avrebbe avuto troppa difficoltà a trovare un (facoltoso) acquirente.

Purtroppo, o per fortuna, non è andata così: l’asta “Driven by Disruption” organizzata in settimana dalla Casa suddetta, infatti, si è conclusa senza esito. Ma non è detto che non si faccia un nuovo tentativo più avanti, magari a un prezzo più accattivante per i potenziali compratori.

 

In attesa di un compratore

Quanto accaduto può apparire insolito, considerando il valore del marchio e l’unicità di questa Lamborghini Concept S, l’unico esemplare sviluppato dalla Casa dopo aver introdotto una concept car statica al Salone di Ginevra del 2005. All’epoca l’esemplare esposto suscitò notevole interesse e apprezzamento da parte del pubblico, tanto che i rumor segnalarono la possibilità di una produzione in serie limitata a 100 unità.

Gli altissimi costi di produzione e i lunghi tempi di lavorazione, tuttavia, indussero ben presto ad abbandonare il progetto. Della Lamborghini Concept S fu dunque realizzato un unico esemplare: proprio quello messo all’asta.

A noi di Tuttomotoriweb balzano all’occhio i palesi richiami alla più nota Lamborghini Gallardo: lo stile del zona frontale e del posteriore è identico (salvo alcuni dettagli), combaciano, mentre la parte superiore è stata completamente rivisitata per dar vita a una roadster dai lineamenti estremi e marcati, visibili sul cofano anteriore scolpito che quasi si fonde con la plancia. Da notare anche gli elementi laterali che fanno da cornice all’abitacolo, e in particolare i pronunciati roll-bar alle spalle dei sedili. Last but not least, il potente propulsore V10 da 5.0 litri collocato in posizione centrale (lo stesso che spingeva la già citata supercar).

C’è da dire che, per avere dieci anni di vita, la vettura sarebbe stata sfruttata molto poco: pare che abbia percorso in tutto non più di 180 km. E le condizioni generale sono ottime. Qualcuno vuole farci un pensierino?