Aste milionarie per la Porsche di Janis Joplin e la Ferrari di Fangio

photo Sotheby's
photo Sotheby’s

La Porsche 356 C 1600 SC Cabriolet, risalente al 1964 e appartenuta alla leggenda del rock Janis Joplin, è stata venduta all’asta da Sobethy’s a New York all’incredibile cifra di 1.760.000 dollari, un prezzo di gran lunga superiore alle aspettative iniziali, quando era previsto un tetto massimo di 600.000 dollari. Ben sette aspiranti hanno dato vita ad una sfida a colpi di rialzi per aggiudicarsi la vettura psichedelica degli anni Sessanta e portare a casa un cimelio della storia del rock.

Janis Joplin acquistò la Porsche nel 1968 e chiese a Dave Richards, amico e tecnico del suono della sua band Big Brother and the Holding Company, di customizzarla con una “Storia dell’Universo” in stile psichedelico, trasformandola in una delle prime vere “art car”. L’auto è stata esposta per un po’ di tempo al Rock and Roll Hall of Fame Museum a Cleveland, prima di essere messa in vendita ai fratelli di Janis, Micheal e Laura Joplin.

“La 356C di Janis Joplin è senza dubbio una delle Porsche più importanti di tutti i tempi”, ha dichiarato Ian Kelleher, amministratore delegato di RM Sotheby della divisione West Coast. “È una fantastica automobile che trascende l’arte, la cultura pop e i movimenti sociali, ed è così innovativa e sorprendente come lo era il suo proprietario”.

Questa Porsche è stata l’unica e sola autovettura guidata dalla celebre cantante ed e quando nel 1970 morì di overdose era parcheggiata fuori dall’hotel Hollywood.

Nella stessa asta è stata assegnata anche la Ferrari 290 MM disegnata nel 1956 per il leggendario campione della Formula 1 Juan Manuel Fangio, un esemplare fabbricato in sole quattro unità, in perfette condizioni e mai incidentata nonostante una lunga carriera durata fino al 1964. Il facoltoso acquirente ha dovuto staccare un assegno da ben 28 milioni di dollari, pari a 25,5 milioni di euro.