Polizia e Carabinieri, si torna alle Alfa Romeo: in arrivo 1.500 Giulietta

Logo Alfa Romeo
Logo Alfa Romeo (©Getty Images)

Le forze di Polizia e dei Carabinieri potrebbero presto tornare a guidare della Alfa Romeo. La Consip, società del Ministero del Tesoro che svolge il ruolo di centrale acquisti per le pubbliche amministrazioni, avrebbe dato l’ok all’acquisto di 1.500 Giulietta. A rivelalo è il portale soloaroma.it.

Le nuove Alfa Romeo tramite una gara d’appalto andrebbero così ad affiancarsi alle Seat Leon oggi in dotazione dopo la vittoria del bando da parte di Volkswagen per la fornitura di 4.000 automobili alle forze dell’ordine italiane (al momento ne sono state acquistate circa 1.200). Il nuovo bando non riguarderà solo Polizia e Carabinieri, ma anche Guardia di Finanza e ad altre amministrazioni; prevede l’acquisto di 1.500 vetture, ma tale numero potrebbe anche aumentare subito oppure attraverso un nuovo bando che potrebbe essere indetto in seguito.

L’Alfa Romeo Giulietta si presenta in due modelli: Tipo A, dotata del motore 1.6 Multjet 120cv diesel allestita anche con la paratia divisoria; Tipo B, equipaggiata con il 2.0 Multijet 150cv diesel e allestita con paratia divisoria. Secondo quanto scrive il quotidiano Il Giornale vi sarebbe anche l’ipotesi dell’ingresso nel parco auto di Polizia e Carabinieri di una versione speciale dell’Alfa Romeo Giulia, l’ultimo gioiello prodotto dalla casa italiana.

Per FCA aggiudicarsi questo bando è importante per riscattarsi nei confronti della Volkswagen e rivedere ancora protagoniste in prima linea le proprie macchine nell’ambito della sicurezza del territorio nazionale. Un ritorno al ‘made in Italy’ dunque dopo che i tedeschi hanno avuto la meglio nello scorso bando di cui abbiamo parlato in precedenza.