F1, Lewis Hamilton: “Rosberg ed io mai amici, ma non causiamo problemi”

Lewis Hamilton e Nico Rosberg
Lewis Hamilton e Nico Rosberg (getty images)

Nel corso del Mondiale di Formula 1 2015 ci sono stati diverse scintille tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg, soprattutto in occasione dei GP di Giappone e Stati Uniti, quando il pilota inglese ha avuto un comportamento sin troppo aggressivo alla partenza. Nei giorni scorsi il team principal Toto Wolff si è detto pronto a cambiare la linea di piloti qualora dovessero ripetersi tensioni ai box, in quanto il bene della Mercedes è un valore prioritario e indiscutibile.

A distanza di poche ore è arrivata la risposta del campione del mondo Lewis Hamilton che, ai microfoni della BBC, ha sottolineato che tra lui e il compagno di squadra il rapporto è ottimale: “Non abbiamo causato nessun problema e l’energia nel team è sempre stata positiva… Con Nico non saremo mai grandi amici ma siamo stati in grado di far funzionare le cose. I momenti di tensione non mancano ma capita in tutti gli sport. Quest’anno però non si può dire che siamo stati distratti da questa tensione, abbiamo portato a casa 16 vittorie, può sembrare scontato, ma la realtà è che abbiamo fatto entrambi un grande lavoro”.

Le motivazioni e l’aggressività in pista sono ingredienti obbligati per chi vuole vincere, pur rientrando sempre nei limiti del regolamento: “In gara bisogna essere duri, non puoi essere gentile e dire `hey, c’è un po´ di spazio qui’. Non vado in pista per farmi degli amici, finire la gara e dire `è stata una bella corsa, siete stati cosi´ carini con me, mi avete fatto vincere’. Se c’è un’opportunità, bisogna coglierla. Questo non significa che devi buttare fuori qualcuno o imbrogliare – ha sottolineato Hamilton -, ma devi essere feroce, forte e duro fino al limite”.

E per il 2016 il campione del mondo lancia la sfida a Nico Rosberg, vincitore delle ultime tre gare di questa stagione: “Mi sento bene, non si può mai sapere del futuro ma lavorerò duro sul fisico per tornare in pista più forte”.