MotoGP, Valentino Rossi: “Non sono preoccupato per il prossimo anno”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Le polemiche scoppiate alla fine del Motomondiale rischiano di trascinarsi anche nella prossima stagione 2016, anche se sia Marc Marquez che Valentino Rossi sembrano aver pacato i toni. Tutt’al più sarà difficile gestire la tensione nel box Yamaha tra il Dottore e Jorge Lorenzo che, nonostante estraneo ai fatti, si è voluto invischiare nella faccenda ricorrendo a sua volta al Tas, tra l’altro con poca eleganza e senza dare preavviso al suo team.

Adesso c’è un lungo inverno per assopire gli animi e poi c’è una nuova stagione cui pensare e onorare al meglio, perchè Valentino ha dimostrato di poter essere all’altezza della situazione nonostante i suoi 36 anni di età. “Ora la storia è ancora molto calda ma nella prossima stagione altre cose saranno importanti, soprattutto la motivazione per continuare e tentarci un’altra volta. Non sono molto preoccupato per il prossimo anno”, ha dichiarato ad Autosport.com.

Molto dipenderà anche dal comportamento del pilota della Honda che più volte ha teso la mano al pesarese. Ma difficile dimenticare almeno per il momento quel comportamento anomalo nel GP di Sepang e la sua mancanza di aggressività a Valencia… “Circa il futuro con Marquez, non so. Cosa posso dire? Che cosa posso fare? Devo fermarmi perché ho ‘paura’? Cerco solo di spiegare il mio punto di vista – ha aggiunto Valentino Rossi – e di spiegare cosa è successo. Il resto non è il mio lavoro”.

La vicenda non scompone i piani del campione di Tavullia. Nel 2016 riproverà a dare l’assalto al titolo mondiale della MotoGP e e il 2017 resta un’incognita. Molto dipenderà dalla sua competitività nel prossimo campionato. “Ho già il contratto firmato con la Yamaha. Quando ho firmato il contratto avevo programmato di correre per un minimo di due stagioni. Quest’anno sono stato competitivo, ho fatto un buon lavoro, in modo da poter cercare di continuare il prossimo anno. Dopo deciderò cosa succederà”.