F1, Maurizio Arrivabene: “Ferrari da 10 e lode. Ora dobbiamo superare la Mercedes”

Maurizio Arrivabene
Maurizio Arrivabene (getty images)

Il Mondiale 2015 di F1 si chiude con le Mercedes al comando, ma alle loro spalle ci sono le Ferrari, pronte a compiere il sorpasso in vista della prossima stagione. Sarà un inverno di duro lavoro per il team di Maranello che, a detta del suo team principal Maurizio Arrivabene, si pone l’obiettivo di tentare l’impresa.

Al termine di una stagione da “10 e lode” Arrivabene traccia un bilancio finale altamente positivo, visto i risultati conseguiti l’anno scorso con la vecchia amministrazione guidata da Luca di Montezemolo e Marco Mattiacci. A tenere alto il nome della Ferrari sul circuito di Abu Dhabi ci pensa Kimi Raikkonen, terzo podio stagionale, mentre Sebastian Vettel chiude al 4° posto dopo essere partito dall’ottava fila.

“Se ci fosse un quarto gradino del podio, Sebastian se lo meriterebbe? Se lo merita tutta la squadra, che durante questo anno è salita molte volte sul podio e ha risalito la china facendo dei gradini che, assicuro, non sono stati facili”, ha dichiarato il team principal ai microfoni di Sky. La Mercedes ha meritato di vincere, noi abbiamo fatto il secondo nei costruttori e il terzo e quarto nei piloti, quindi Kimi ha passato Bottas. Complimenti a tutti”.

Da domani si comincerà a pensare al 2016, anche se i tecnici della Ferrari sono già al lavoro da molto tempo: “Adesso siamo una squadra. Cosa mi aspetti dal 2016? Ognuno deve porsi degli obiettivi, non dobbiamo porci quello di essere secondi ovviamente. Dobbiamo porci l’obiettivo di essere davanti alle Mercedes. Siamo persone serie, dei professionisti, ed è quello che dobbiamo fare. Non è detto che ci riusciremo, ma – ha concluso Maurizio Arrivabene – faremo di tutto per raggiungerlo”.

“Credo che oggi ho fatto il massimo che potevo, abbiamo ottenuto un altro buon risultato e sono soddisfatto – ha commentato Sebastian Vettel dopo il GP di Abu Dhabi -. Ieri non è stata la nostra giornata migliore, ma sappiamo che possiamo migliorare in tutti i settori ed è quello che proveremo a fare da domani”.