MotoGP Test, Marc Marquez: “Sono caduto due volte, è il momento di staccare”

photo Facebook
photo Facebook

Marc Marquez e Dani Pedrosa hanno chiuso la tre giorni di test sul circuito di Jerez, dove hanno raccolto dati in vista del cambio di regolamento previsto per il 2016. Il pilota di Cervera ha messo a segno 67 giri con il miglior crono di 1:39.17, ma ha riportato anche due cadute fortunatamente senza conseguenze; il suo compagno di team ha completato 77 giri il più veloce dei quali in 1’39″93

“Oggi ho subito due cadute; la prima è stata un high side nella curva 3, sono entrato nella curva con potenza costante ma poi la ruota di dietro è diventato molto aggressiva e mi ha lasciato cadere, ma fortunatamente sto bene. L’ altra è avvenuta mentre confrontavo i motori, dato che devi andare al limite per ottenere i migliori risultati e la frenata con gli pneumatici Michelin a volte può essere imprevedibile – ha sottolineato Marc Marquez -. Comunque, abbiamo completato 3 buoni giorni di lavoro e abbiamo ottenuto molte informazioni che daremo alla HRC. Le mie sensazioni sono che abbiamo un po’ più di potenziale con il nuovo motore rispetto al precedente, ma ancora non siamo al livello che mi piacerebbe. So che Honda lavorerà duro questo inverno per migliorare in vista di Sepang. Vorrei ringraziare il team per il duro lavoro in questi allenamenti e durante tutto l’anno, ora è giunto il momento di staccare!”.

“Questo venerdì abbiamo completato molti giri dal momento che la temperatura è stata un po’ più alta e abbiamo potuto iniziare prima e finire più tardi – ha detto Dani Pedrosa -. Siamo stati in grado di gestire le varie uscite in pista per provare diversi aspetti. Non abbiamo ancora chiara la configurazione del motore, dato che dubitiamo di alcuni aspetti e non sappiamo se è un problema del motore o di elettronica Magnetti Marelli. In ogni caso, dobbiamo lavorare sull’elettronica per trovare il migliore equilibrio. In questo momento abbiamo un sacco di informazioni, ma non è chiaro qual è il miglior adeguamento – ha proseguito il pilota spagnolo -. È stato un anno con un sacco di lavoro e vorrei ringraziare Honda al completo per il sostegno. Ora è giunto il momento di prendere una pausa”.