F1 Ferrari, Kimi Raikkonen: “Nel 2016 bisogna ridurre gli errori”

Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen (Getty Images)

Kimi Raikkonen ha vissuto un 2015 travagliato tra errori ed episodi sfortunati. Nonostante un rendimento non all’altezza di quello di Sebastian Vettel e i tanti dubbi, la Ferrari ha deciso di rinnovargli il contratto per un altro anno consentendogli di rimanere a Maranello anche nel 2016. Una dimostrazione di fiducia importante quella della scuderia verso il finlandese, che dovrà impegnarsi al massimo per ripagarla e togliersi delle soddisfazioni.

Il pilota campione del mondo nel 2007 nell’intervista concessa ad Autosport ha sottolineato che la Ferrari quest’anno ha fatto dei passi enormi in avanti e che lui anche per sue responsabilità non ha ottenuto il massimo dalla sua monoposto. L’auspicio che ha è ovviamente quello di migliorare nel 2016. Queste le sue dichiarazioni: “Come team siamo decisamente cresciuti, anche se la mancanza di velocità della SF15-T ci ha a volte penalizzato. Per quanto riguarda il mio campionato sono abbastanza soddisfatto. Purtroppo però non sempre sono stato in grado di ottenere buoni risultati sempre. Sono stati commessi degli errori e io stesso ne ho fatti non riuscendo magari a portare a termine delle gare. Per tale l’obiettivo per il prossimo anno dovrà essere proprio quello di ridurli al massimo”.

Kimi Raikkonen rimane fiducioso sulla prossima stagione e speranzoso che la Ferrari possa lottare più a stretto contatto con una Mercedes quasi sempre imprendibile in questi due anni: “La direzione intrapresa dalla squadra è giusta. Gli aspetti da rivedere sulla monoposto non sono moltissimi, pertanto ho grande fiducia”.

Nel week-end si correre l’ultimo gran premio del campionato 2015 e andrà di scena ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti. Sarà un’occasione importante per concludere bene questa annata e guardare al futuro con più ottimismo. Il ferrarista è quinto nella classifica piloti con un solo punto di distacco dal connazionale Valtteri Bottas, ha dunque l’obiettivo si scavalcarlo per guadagnare la quarta piazza finale.