MotoGP, Livio Suppo: “Bisogna evitare altre scintille tra Valentino e Marquez”

Marc Marquez e Valentino Rossi GP Sepang 2015
Marc Marquez e Valentino Rossi (getty images)

Il team manager HRC Livio Suppo spera che gli animi si plachino dopo il finale di stagione a Valencia e che non si verifichino ulteriori attriti tra Valentino Rossi e Marc Marquez nella prossima stagione. Dopo la conclusione della stagione 2015 pare che gli animi non siano per nulla acquietati, ma probabilmente servirà ancora del tempo per raffreddare la tensione e cercare di dimenticare quanto successo, al di là del torto e della ragione.

“Abbiamo bisogno di calmare la situazione. D’ora in poi, qualsiasi lotta tra Marc e Valentino sarà analizzata con cura – ha annunciato Livio Suppo in un’intervista riportata da Speedweek.com -. Quando Marc e Valentino in futuro avranno di nuovo un ritmo simile e si incontreranno in gara e daranno inizio alla sfida, allora dovrebbe essere solo una lotta leale tra due uomini sportivi e due dei più grandi piloti del mondo”.

Nelle ultime fasi del Mondiale MotoGP forse anche la Direzione Gara ha commesso qualche errore, specie dopo l’ammonimento lanciato da Rossi prima di Sepang. Ma ulteriori tentennamenti non possono essere ammessi: “Dobbiamo sederci con la Dorna e la FIM, per scoprire come possiamo evitare queste cose in futuro – ha aggiunto Suppo -. Molti sottovalutano ciò che è accaduto a Sepang il giovedì…Ci sono ancora persone che pensano che Marc nella gara di Australia non sia stato corretto, anche se ha vinto. La realtà è che ha sottratto cinque punti a Jorge. C’è astato nche combattuto non solo Marc contro Vale, ma anche con Iannone. Quindi, se erano lenti, lo era anche a Iannone”.

Secondo Livio Suppo Marc ha avuto grossi problemi con la gomma anteriore nel GP d’Australia… “Bridgestone può confermare. La nostra moto surriscaldata il pneumatico anteriore molto di più di quanto abbia fatto la Yamaha. Se guardate il 4° PQ, si può osservare che Marc ha sempre spinto solo per pochi giri e si è rilassato un giro al fine di ridurre la temperatura. I dati mostrano che ha rallentato in questa gara solo nelle curve a destra – ha proseguito il team manager HRC -, perché voleva evitare una caduta. Lo scorso anno Marc ha dominato in Australia ed è caduto a due giri dalla fine. Pertanto, gli abbiamo detto: ‘Fai attenzione e ricorda cosa è successo l’anno scorso. Non spingere troppo”.