F1 GP Brasile, Nico Rosberg: “Mi sono svegliato tardi”. Lewis Hamilton: “Gara noiosa”

Lewis Hamilton Nico Rosberg
Lewis Hamilton e Nico Rosberg (Getty Images)

Doppietta scontata per la Mercedes nel Gran Premio del Brasile. L’unica curiosità era legata al fatto di vedere o meno un duello tra Nico Rosberg, vincitore della gara, e il neo campione del mondo Lewis Hamilton. Ma tra i due non c’è stata alcuna lotta in pista. Una corsa che è filata via in maniera abbastanza noiosa, senza particolari sussulti. Una conferma della forza della scuderia di Stoccarda, che in questo momento sembra ancora inavvicinabile nonostante gli sforzi della concorrenza.

Nico Rosberg non può che essere felice per il successo ottenuto a Interlagos che gli ha anche permesso di conquistare matematicamente il secondo posto nella classifica piloti: “È andato tutto bene – riporta Gazzetta.it – Hamilton mi è stato addosso, cercavo di tenerlo sotto controllo anche attraverso le informazioni dal muretto, per fortuna sono riuscito a difendere il primo posto. Ho cominciato tardi a spingere,  ora punto a un’altra vittoria nell’ultimo GP, ad Abu Dhabi. L’anno prossimo dovrò essere più reattivo”.

Lewis Hamilton è arrivato secondo in una pista dove non ha mai vinto e non è propriamente felice visto che non ha avuto la possibilità di attaccare il compagno: “Avevo un buon passo ma qui è impossibile superare, certe volte mi sono trovato anche nel traffico e ho `ucciso´ le mie gomme. È una bellissima pista ma non si riesce ad andare vicini per combattere, bisogna avere un vantaggio enorme di passo per sorpassare. È un peccato, sarebbe bello se riuscissi a vincere qui. Io sono qui per gareggiare, quando devi seguire gli stessi ordini diventa più difficile. Certo bisogna gestire le gomme ma io sono qui per correre, anche la gente vorrebbe vedere questo, penso sia stata una gara abbastanza noiosa. Rosberg più forte nelle ultime due gare? È vero, sta avendo la meglio, complimenti a lui”.