Terrore a Parigi, il cordoglio dei piloti. Marc Marquez: “Vicino alle famiglie delle vittime”

Marc Marquez
Marc Marquez (getty images)

Il mondo della MotoGP e della Formula 1 si stringe calorosamente intorno a Parigi, in seguito agli attentati terroristici che hanno seminato morte e paura nella tarda serata di venerdì 13 novembre. Al momento il bilancio dei morti è salito a 128, ma ci sono almeno 80 feriti che riversano in gravissime condizioni. Una mattanza senza pietà che ha colpito alla cieca fra persone civili inermi e che ha sconvolto il mondo intero.

Su Twitter i piloti hanno voluto rendere omaggio alla Francia e alla sua capitale: “Tutto il mio sostegno al popolo di Parigi. E’ orribile ciò che sta accadendo”, ha cinguettato Jorge Lorenzo con l’ormai già celebre hashtag #PrayForParis.

«Tutto il mio sostegno alle famiglie delle vittime di Parigi. I miei pensieri sono con tutte le persone a Parigi”, ha dichiarato Marc Marquez dal suo profilo ufficiale. “Molto colpito da quello che Parigi sta soffrendo – ha affermato Dani Pedrosa -. Le mie più sincere condoglianze al popolo francese e soprattutto alle famiglie delle vittime”.

Vicinanza al popolo francese è stata dimostrata anche dal pilota spagnolo della Suzuki Aleix Espargaro: “Tutta la forza del mondo al popolo francese !!”, mentre suo fratello Pol Espargaro del team Yamaha Tech 3 scrive: “Parigi, ora più che mai, forza!”. Al grido di sostegno in favore dei francesi si unisce anche Max Biaggi: “La vita mi sembra troppo breve per spenderla ad odiare e a tener conto dei torti altrui”.

Ma messaggi di cordoglio e vicinanza sono stati espressi anche dai piloti della Formula 1 in queste ore impegnati con il Gran Premio del Brasile: “Prego per le vittime di Parigi, chiedo a tutti di unirsi a me e pregare in questo tragico momento”, ha commentato sui social Lewis Hamilton, mentre il suo compagno di squadra Nico Rosberg ha postato: “Senza parole per la tragedia avvenuta in Francia. I miei pensieri sono con voi”.

Anche la Scuderia Ferrari si associa all’hashtag #PrayforParis: “In segno di rispetto per le vittime di Parigi la Scuderia Ferrari twitterà, oggi, solo le informazioni essenziali”. Invece l’ex ferrarista Fernando Alonso cinguetta: “Sono scioccato. Il mio affetto va a tutte le persone colpite a Parigi»”.