MotoGP, Jorge Lorenzo: “Il mio segreto si chiama Sofrologia”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Jorge Lorenzo non ha mai mostrati segni di nervosismo in pista, anzi. Il suo carattere ‘sportivo’ si è sempre dimostrato alquanto pacato, corretto, morbido nei duelli corpo a corpo quasi sempre evitati in questa stagione. Quasi tutte le gare vinte si sono rivelate una sorta di monologo, dove è stato in testa dal primo all’ultimo giro, senza sbavature, senza consentire agli avversari di avvicinarsi troppo per infastidirlo. Di qui il soprannome di ‘martillo‘ con cui viene designato il neo campione del mondo.

Ma al termine della stagione il pilota maiorchino della Yamaha ha svelato il suo piccolo grande segreto: la Sofrologia. Trattasi di una tecnica che usa metodi psicofisici per studiare la coscienza umana e le sue potenzialità al fine di ottenere un equilibrio psicofisico attraverso l’uso del corpo e degli stati di rilassamento, che consentono agli individui di resistere agli stress quotidiani sia fisici che psichici. Viene esercitata da molti sportivi per aumentare il rendimento, la concentrazione, la motivazione e avere un più facile recupero della fatica. Una sorta di yoga tanto per intenderci.

“Il mio manager tempo fa ha conosciuto una donna che si occupa di questo tipo di meditazione – ha raccontato Jorge Lorenzo a Speedweek.com -. In quel periodo ho frequentato alcuni corsi, così sono diventato più calmo e più mirato. In quel periodo ho imparato a controllare meglio se stesso con una respirazione perfetta. Nel 2010, ho smesso con questi corsi. Ma se sento che mi innervosisco so come utilizzare la Sofrologia. Domenica scorsa, prima della gara, la tensione era estremamente alta, ho cominciato di nuovo a meditare. E’ stato importante per risparmiare quanta più energia. Perché se sei nervoso, stai sprecando un sacco di energia”.

La Sofrologia ha aiutato il pilota spagnolo a cambiare il suo modo di allenarsi e di pensare in sella ad una moto, a mantenere la calma anche nelle situazioni più difficili: “Quando mi sento stanco faccio esercizi di Sofrologia. E’ di grande importanza per mantenere il controllo del proprio corpo. Solo allora si può raggiungere la meta”. E sulle polemiche dei giorni scorsi risponde, adesso, in tono più pacato: “Certo avrei preferito se le ultime settimane fossero state meno polemiche sui media… sarebbe stato meglio se avessimo potuto evitare l’incidente tra Valentino e Márquez a Sepang. Ma questi incidenti non possono proiettare ombre su miei successi di quest’anno – ha concluso Jorge Lorenzo -. Non diminuiranno il mio orgoglio per questa Coppa del Mondo”.