F1, Nico Rosberg: “Ho rischiato”. Lewis Hamilton: “Ho il titolo, vincere non è importante”

Nico Rosberg
Nico Rosberg (Getty Images)

Ormai la Mercedes non sorprende più e anche nel Gran Premio del Brasile partirà dalla prima fila con Nico Rosberg e Lewis Hamilton. Troppa la superiorità nei confronti della Ferrari e delle altre concorrenti. Domani le Frecce d’argento sono favoritissime per la vittoria e per realizzare l’ennesima doppietta degli ultimi due anni.

Nico Rosberg non può che essere entusiasta per la pole position non lo nasconde ai microfoni dei giornalisti al termine delle qualifiche: “Sono molto soddisfatto. E’ la miglior posizione di partenza in vista della gara, ho lavorato bene durante le qualifiche. Nell’ultimo ho preso parecchi rischi però sono molto contento del tempo che ho fatto. Domani voglio vincere anche per consolidare il secondo posto nella classifica piloti; inoltre è sempre meglio concludere la stagione in crescita. Una vittoria certamente sarebbe qualcosa di positivo per me e per il team”.

Lewis Hamilton ha mancato la pole per 78 millesimi e non si è presentato per la foto di rito con il compagno e Sebastian Vettel dopo le qualifiche. Il neo campione del mondo inoltre ha colpito nelle sue dichiarazioni perché oggi ha affermato che “vincere non è poi così importante visto che ho il titolo mondiale in tasca”, quando invece negli ultimi giorni auspicava la vittoria in un circuito in cui non ha mai trionfato e che rappresenta molto per il suo idolo Ayrton Senna.

Il pilota britannico successivamente si è così espresso: “Non sono preoccupato per la striscia di pole position di Rosberg, non si può realizzare tutte le volte il giro perfetto. Dovrò giocarmi bene le mie carte alla partenza, eventualmente restano i pit stop. Spero di poter fare la differenza domani in gara anche se non sarà facile, io e Nico siamo molto vicini a livello di prestazioni”