MotoGP, Luigi Dall’Igna: “Marquez più veloce di Lorenzo ma non l’ha superato”

Luigi Dall'Igna
Gigi Dall’Igna (Getty Images)

Il Ducati Team aveva iniziato il campionato alla grande, inaugurato con un doppio podio di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone in Qatar, ma poi gli avversari hanno progredito più velocemente, mentre il team di Borgo Panigale ha dovuto frenare lo sviluppo della nuoca Desmosedici GP15 per far fronte ad alcuni problemi e cercare le soluzioni migliori.

Nonostante tutto il pilota di Vasto è riuscito quasi sempre a tenere il passo dei migliori cedendo il 4° posto finale a Dani Pedrosa che, nelle ultime gare, è ritornato a livelli oltre ogni aspettativa. Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse, non è particolarmente soddisfatto visto che l’obiettivo di almeno una vittoria stagionale non è stato raggiunto.

“Voglio dividere la stagione in tre parti. Nella prima parte siamo stati competitivi e lottato sempre per il podio. A volte abbiamo anche sfiorato la vittoria – ha detto in un’intervista riportata da Speedweek.com -. Poi è arrivata la seconda metà della stagione dove abbiamo un po’ perso il contatto con le nostre controparti. Alla fine è arrivata la terza parte della stagione in cui abbiamo raggiunto di nuovo il vertice e abbiamo ottenuto alcuni risultati davvero buoni. Di certo non siamo riusciti a ottenere il miglior risultato possibile in qualsiasi momento con la nuova GP15”.

I due alfieri della Rossa si sono lamentati per mancanza di trazione e stabilità in frenata, due problemi su cui ci sarà ancora molto da lavorare, nella speranza che piccoli cambiamenti dei loro stili di guida facilitino il compito dei tecnici di Borgo Panigale: “Il problema principale durante la frenata è lamentato da Dovi. Lui è molto forte in frenata e molto aggressivo, quindi ha bisogno di una moto che faciliti questo stile di guida. Iannone però si è lamentato per tutto il tempo sul grip posteriore, soprattutto in accelerazione… Abbiamo alcune idee su come risolvere questi problemi”.

Luigi Dall’Igna ha anche espresso la sua opinione sull’avvenimento dell’anno, la bagarre tra Valentino Rossi e Marc Marquez: “Non ho tutti gli elementi per giudicare, ma guardando i filmati mi sempre che in Malesia sia stato un po’ troppo aggressivo quanto attaccava Valentino. E a Valencia probabilmente era più forte di Lorenzo, ma non lo ha superato. Però il mio è un parere, solo chi è in sella conosce la verità”.