MotoGP, Graziano Rossi: “Marc Marquez ha perso la dignità”

Jorge Lorenzo e Marc Marquez
Jorge Lorenzo e Marc Marquez (getty images)

Dopo la gara di Valencia che ha decretato Jorge Lorenzo neo campione del mondo, dopo settimane di polemiche e scontri verbali, la MotoGP ritorna in pista per il primo dei due giorni di test. Ma risulta difficile al momento mettere una pietra su quanto successo e detto perchè la ferita è ancora calda e dolorante.

Graziano Rossi è profondamente amareggiato, ma non si tratta semplicemente dello stato d’animo di un genitore che ha visto uscire sconfitto il figlio. Perchè la Direzione Gara ha commesso i suoi sbagli e nel 2016 ci saranno dei cambiamenti: il presidente della Fim, Vito Ippolito, ha dichiarato che tre giudici autonomi e indipendenti sostituiranno Mike Webb, Javier Alonso e Franco Uncini. Un chiaro segnale che qualcosa non è filato per il verso giusto.

“Cosa direi a Marquez se potessi? Non glielo posso dire. È un segreto. Non sarebbe una conversazione oratoriana”, ha affermato il papà di Valentino in un’intervista a Radio2 nel corso del programma “Un giorno da pecora”. “Dico solo una cosa: ci vuole una vita per conquistare la dignità ma ci vuole pochissimo per perderla – ha aggiunto Graziano Rossi -. Ecco, qualcuno ha perso la dignità in questa vicenda”.

Se Marc Marquez avesse sorpassato Jorge Lorenzo a Valencia avrebbe avuto un grande significato, “ma forse non era ciò che era stato deciso a tavolino”. Ma in tanti si chiedono perchè il pilota della Honda abbia voluto penalizzare il pesarese nonostante l’apparente grande amicizia tra loro: “Ci sono stati un paio di episodi nei quali lui e Valentino sono arrivati a stretto contatto di gomito e moto. E Marquez li ha persi entrambi – ha spiegato papà Graziano -. Marquez è invidioso? Lui è talmente sicuro di sé, prepotente, che non ha mandato giù questa cosa. È un po’ come quando a scuola ti rubano la merenda e il giorno dopo gli vuoi restituire il dispetto”.