Susie Wolff dice addio alla Formula 1: “Voglio dire grazie alla Williams”

Susie Wolff
Susie Wolff (getty images)

La 32enne scozzese Susie Wolff, moglie del boss Mercedes Toto Wolff, appende il casco al chiodo dopo due stagioni con la Williams in veste di test driver: “La Race of Champions sarà la mia ultima gara automobilistica” e andrà in scena a metà novembre. La sua avventura nel Circus finisce qui e potrà sempre vantare di aver realizzato un sogno e un obiettivo prestigioso soprattutto per una donna.

“Ho avuto la fortuna di essere stata cresciuta da genitori che non credono che le auto da corsa sono solo per i ragazzi”, ha spiegato nel suo blog sull’Huffington Post. “Ho sognato di correre in Formula 1, e sono arrivato molto vicino a questo obiettivo. Ma gli eventi di inizio anno e l’ambiente del Circus mi hanno mostrato che non potrà mai accadere”. La signora Wolff si riferisce al Gran Premio d’Australia, dove Valtteri Bottas non poteva scendere in pista ed è stato preferito Adrian Sutil, convocato come collaudatore ufficiale e pilota di riserva.

“Voglio dire grazie alla Williams per l’opportunità che mi ha dato in questi ultimi anni, permettendomi di realizzare il sogno di guidare una monoposto di Formula 1 – ha detto in una nota ufficiale -. E’ stato fantastico lavorare con tutti, sia a Grove che in pista, quindi voglio ringraziare ogni persona che ha partecipato al mio viaggio con la Williams. Oggi si chiude un capitolo importante, ma guardo già alle prossime sfide che mi attendono”.

“E’ stato un piacere lavorare con Susie in questi anni e vederla crescere come pilota insieme alla squadra – ha dichiarato Claire Williams -. I suoi feedback sono stati sempre importanti per lo sviluppo della vettura, quindi mi dispiace vederla andare via. Vogliamo ringraziarla per tutti i suoi sforzi e la supporteremo alla Race of Champions di quest’anno, sperando che il suo ultimo weekend di gara possa essere grandioso”.