MotoGP: Jorge Lorenzo si appella al Tas, la richiesta viene respinta

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Il Tribunale arbitrale dello sport di Losanna ha respinto la richiesta di Jorge Lorenzo di essere ascoltato sull’arbitrato tra Valentino Rossi e Marc Marquez sui fatti di Sepang, in quanto la decisione potrebbe compromettere la sua corsa al titolo iridato. Lunedì 2 novembre i legali del pilota maiorchino hanno presentato  la richiesta di intervento, ma dopo 24 ore la Corte arbitrale ha detto no, anche se la relativa documentazione presentata sarà tenuta in considerazione.

Entro il 6 novembre il Tas deciderà se cancellare o meno la penalizzazione inflitta a Rossi dopo il GP della Malesia. In caso di risposta negativa il pesarese dovrà partire dall’ultima fila in griglia al Ricardo Tormo di Valencia.

“Il Tas (Tribunale Arbitrale dello Sport) ha rifiutato la richiesta di intervento di Jorge Lorenzo. Il 2 novembre 2015 un pool di avvocati che agiva per conto di Jorge Lorenzo ha presentato richiesta di intervenire a suo nome nell’arbitrato tra Valentino Rossi e la FIM – si legge in un comunicato ufficiale -. Oggi pomeriggio il TAS ha informato le parti che la richiesta del Sig. Jorge Lorenzo è stata rigettata. Di conseguenza l’arbitrato del TAS proseguirà unicamente tra Valentino Rossi e la FIM”.

Adesso la bagarre legale si allarga a tre contendenti dopo l’intervento legale e ufficiale di Jorge Lorenzo, a dimostrazione dell’atmosfera assai tesa che regna nei box Movistar Yamaha. In un comunicato ufficiale il suo manager Albert Valera ha spiegato che “per obbligo morale abbiamo ritenuto necessario informare il Tas sulla situazione di Jorge Lorenzo come parte in causa di questo processo perché fosse tenuto in considerazione… L’obiettivo non era includere Jorge in un processo così complesso, ma fornire ulteriori informazioni che potessero aiutare l’arbitro unico a prendere la decisione più corretta. In nessun caso presenteremo ricorso, non è mai stata nostra intenzione, né chiederemo un aumento della penalizzazione perché rispettiamo le decisioni della Direzione Gara e della FIM. Jorge è assolutamente concentrato sulla gara di domenica ed è al di fuori della decisione del Tas”.