MotoGP, Fonsi Nieto: “Marquez ha rallentato Rossi per fargli perdere il Mondiale”

Fonsi Nieto
Fonsi Nieto (Getty Images)

L’opinione pubblica è abbastanza divisa per quanto riguarda l’episodio che ha visto protagonisti Valentino Rossi e Marc Marquez nel Gran Premio della Malesia corso  Sepang. C’è chi incolpa il primo e chi il secondo per l’accaduto. La Direzione Gara comunque una decisione l’ha presa togliendo 3 punti dalla patente al pilota Yamaha e facendolo partire dall’ultimo posto della griglia nel GP decisivo a Valencia. Il Dottore ha annunciato il ricordo al TAS di Losanna e adesso si attendono novità.

Fonsi Nieto, ex pilota e nipote del grande Angel, ha spiegato la sua posizione molto chiaramente nel corso della trasmissione Chiringuito de Jugones: “Tutto è cominciato dall’Argentina, quando Marquez ha perso la gara con Rossi; poi ad Assen la vittoria Valentino dopo il loro contatto, ha fatto esplodere Marc. E credo che le dichiarazioni di Rossi giovedì dicendo che Marquez stava aiutando Lorenzo hanno fatto esplodere la bomba”.

 

Fonsi Nieto attacca Marc Marquez

Lo spagnolo spiega poi nel dettaglio quanto è avvenuto a Sepang: “Nella gara di domenica credo che Marc abbia sbagliato perché doveva rimanere al suo posto e rispettare chi si sta giocando il Mondiale. Si è comportato male, perché era chiaro che la Honda avevano un ritmo migliore e Marquez lottando per il quarto posto con Rossi a 8-10 secondi dai primi non era logico. Stava rallentando per non far vincere il Mondiale a Valentino. La Direzione Gara ha detto che non può sanzionare Marc perché è impossibile farlo dato che non ha toccato nessuno. Però per il codice non scritto dei piloti è molto brutto quello che ha fatto”.

A Fonsi Nieto è stato detto che Marc Marquez stava competendo, ma lui ha risposto: “No, non stava competendo. Aveva la moto per vincere la gara domenica, non doveva lottare per il quarto posto. Tu quante volte hai visto così tanti sorpassi nei primi 3 giri? Può succedere negli ultimi giri, non nei primi. Tu quando sorpassi qualcuno e poi ti fermi in curva lo stai rallentando. Altrimenti in 3-4 giri Lorenzo e Pedrosa scappano via alla distanza. Non è logico, ti sta rallentando appositamente. Io sono amico di Rossi, di Marquez e di Lorenzo. Marc sa che questa è la verità.

Si parla pure del famoso calcio che il Dottore avrebbe rifilato al rivale causandone la caduta, ma Fonsi Nieto è perentorio nel negare che ci sia stato e che possa essere stato decisivo: “Anche Valentino sbaglia, però non nel calcio di cui si discute e che per me non c’è perché nel momento che Rossi allarga Marquez all’esterno c’è un momento in cui Marc si appoggia a Valentino. E una volta che si è appoggiato tocca il freno con la mano. Tu con una moto inclinata tocchi il freno e va giù, questo è chiarissimo. Ma c’è un’altra cosa. La moto più il pilota sono 200 kg di peso. Devi essere Conan per buttare giù così una moto con un calcio. E’ facile da dimostrare visto che Marquez è anche caduto dall’altra parte”.