MotoGP, Danilo Petrucci: “Valentino Rossi non ha bisogno di favori”

Danilo Petrucci
Danilo Petrucci (getty images)

A quattro giorni dal Gran Premio di Valencia Danilo Petrucci, 25enne pilota ternano del team Pramac Racing, esprime la sua opinione su quanto successo a Sepang tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Petrux è un grande amico del Dottore, frequenta spesso il Motor Ranch e si schiera al fianco del campione di Tavullia ritenendo eccessiva la penalizzazione inflittagli dalla Direzione di Gara.

“Intanto vediamo cosa deciderà il Tas. Comunque non ha bisogno di favori: con il suo passo non ci metterà molto a risalire. Il problema è recuperare quel gap che il gruppo di testa si prenderà nei primi giri, mentre lui sarà impegnato a recuperare posizioni. In una pista come quella di Valencia si fa fatica”, ha spiegato Danilo in un’intervista al ‘Corriere della Sera’.

Il pilota del team satellite Ducati, abituato a trovarsi nel mucchio sin dai tempi del motocross, consiglia “gomiti larghi” in caso di partenza dall’ultima piazza, ma sottolinea come le possibilità di vittoria siano infime qualora il Tas non dovesse cancellare i tre punti di penalità, in quanto sarebbe impossibile recuperare sui tre big spagnoli…

“Se la pista è asciutta le speranze si riducono, ma con il meteo un po’ pazzo non è impossibile. Lorenzo poi non deve sbagliare nulla in tutto il week end… Sarebbe stato bello se Rossi e Lorenzo fossero arrivati a Valencia per giocarsela alla pari. Invece ci sono due contendenti e un terzo decisamente incomodo. Valentino da tempo aveva capito che Marquez voleva dargli fastidio, si era accorto della sua melina. Anche io al posto suo mi sarei innervosito. Il mio giudizio però lo tengo per me: solo loro due sanno qual è la verità. Di sicuro non gli ha dato un calcio – ha concluso Danilo Petrucci -, perché una moto non la butti giù così”.