MotoGP, Pol Espargaro: “Marquez ha giocato, ma Rossi non può reagire così”

Pol Espargaro
Pol Espargaro (Getty Images)

A distanza di una settimana non si è calmato il polverone sollevato dall’ormai famoso scontro tra Valentino Rossi e Marc Marquez nel corso del Gran Premio di Sepang. Diversi piloti di MotoGP, del passato e del presente, hanno espresso la loro opinione schierandosi dall’una o dall’altra parte oppure dando giudizi neutrali. Anche Pol Espargaro, rider del team Yamaha Tech3, ha detto il suo pensiero su quanto avvenuto in Malesia.

«Posso capire frustrazione di Rossi perché Márquez lo infastidiva – ha dichiarato lo spagnolo a Cycle News -. Ma non intenzionalmente si può toccare un altro driver e sollevare il piede in questo modo». Successivamente ha aggiunto «Da una parte quello che ha fatto Márquez non è giusto. Ha giocato con le possibilità di Rossi di vincere il mondiale. D’altra parte, sono sorpreso che un maturo ed esperto pilota come Rossi possa reagire così. Valentino precedentemente non lo aveva mai fatto fatto. La direzione di gara, la Commissione per la sicurezza e la IRTA sono lì per valutare tali incidenti. A Valencia vedremo una gara interessante».

Pol Espargaro riconosce le colpe di entrambi i piloti ponendo l’accento sulla provocazione di Marc Marquez e sulla reazione di Valentino Rossi. Sicuramente in vista del Gran Premio di Valencia è lecito aspettarsi una corsa particolare, carica di tensione e in generale un clima che in MotoGP non si vedeva da tempo tempo. Il titolo sembra ormai nelle mani di Jorge Lorenzo, che è in ritardo di 7 punti ma il Dottore partirà dall’ultimo posto della griglia. Pertanto per lo spagnolo la strada verso la conquista della corona iridata appare spianata.