MotoGP, Alvaro Bautista: “Non lascerò passare Valentino Rossi”

Alvaro bautista
Alvaro Bautista (getty images)

Alvaro Bautista dall’inizio di questa stagione ha lasciato la Honda per passare all’Aprilia, con cui ha raccolto 29 punti, raggiungendo il 13° piazzamento a Brno e Aragon come migliori risultati del 2015. Il 30enne pilota spagnolo è intenzionato a raccogliere il miglior risultato possibile nell’ultima gara a Valencia e preannuncia di non voler fare sconti a Valentino Rossi, qualora dovesse trovarselo alle spalle sul circuito Ricardo Tormo.

“Sarebbe bello vedere Rossi e Lorenzo combattere uno contro uno a Valencia, ma non ho intenzione di lasciare passare Rossi – ha affermato Alvaro Bautista in un’intervista al giornale spagnolo ‘AS’ -. Voglio fare la mia gara e raggiungere il mio migliore piazzamento e questo significa partire il più rapidamente possibile, non appena la luce si spegne. In ogni caso, io non credo di essere un problema per Rossi (ride)”.

Bautista sa bene che una volta sorpassato da Valentino sarà difficile recuperarlo, ma non ha intenzione di fare il minimo sconto qualora il pilota Yamaha dovesse partire dall’ultima fila. Ma qualora dovesse trovarselo alle spalle “Qualche pressione in più ci sarà, ma non credo che si possa restituire il sorpasso perché, come passo, è normale che mi sfuggirà subito. Io non sono in grado di combattere contro di lui quest’anno. Ma mi divertirò”.

Sul circuito di Valencia i sorpassi saranno complicati e recuperare le prime posizioni, secondo Alvaro Bautista, sarà un’impresa al limite del possibile, prevedendo un quarto posto per il Dottore in condizioni di asciutto: “Lorenzo, Pedrosa e Marquez sono già difficile da seguire, immaginare partire da dietro. Certo, Valentino è Valentino e a Valencia ci sono già state in passato gare molto particolari. Tre anni fa ci sono stati diversi i piloti che sono partiti dalla pit lane, la pista era mezza asciutta e mezza bagnata, e ha vinto Pedrosa. In caso di pioggia o di rare circostanze, Valentino può andare oltre il quarto posto secondo me, in una situazione normale è la posizione più ovvia”.

In tal caso Jorge Lorenzo dovrà vincere la gara o chiudere al 2° posto per aggiudicarsi il titolo iridato. Ma cosa pensa il pilota dell’Aprilia dei fatti di Sepang? “Non penso che Marquez voglia aiutare Lorenzo perchè lo ha battuto Lorenzo in Australia… Marc aveva un passo migliore (a Sepang) e poteva andare, ma non ha fatto nulla di antisportivo. Tutti possono fare la loro strategia di gara, anche se è vero che era pericoloso per Valentino perché stava giocando la Coppa del Mondo, mentre il suo rivale non era in corsa. Con questo non voglio dire di essere favore dell’uno o dell’altro, perché nessuno dei due è un santo”.

Ma il gesto di Valentino Rossi per Bautista “è punibile… Un altro pilota in simili circostanze avrebbe ricevuto una pena più dura. Si è alzata un po’ la mano con Rossi per il bene del campionato e dello spettacolo”.