MotoGP, l’appello di Angel Nieto a Rossi e Marquez: “Datevi la mano”

Angel Nieto (a destra, foto Getty Images)
Angel Nieto (a destra, foto Getty Images)

 

Dopo la “lettera aperta” di Sete Gibernau, un’altra leggenda del motociclismo quel è Angel Nieto ha deciso di rivolgere un appello a Valentino Rossi, Marc Marquez e ai tifosi che arriveranno a Valencia per l’ultimo GP della stagione. Dall’alto dei suoi 13 titoli, il campione spagnolo prende posizione sulla scia delle infinite polemiche di questi giorni, per richiamare professionisti, addetti ai lavori e semplici appassionati ai valori che hanno sempre caratterizzato il mondo delle due ruote. Nell’auspicio che la prossima gara torni a essere una festa all’insegna dei valori dello sport.

 

Quella sportività da ritrovare

Per l’ex campione spagnolo è ora di raffreddare gli animi. “Cari Marc e Valentino – scrive Angel Nieto nella missiva, che ha subito fatto il giro del Web – noi motociclisti siamo sempre stati degli sportivi diversi, tra di noi la rivalità è rimasta circoscritta a ciò che succede in pista e per questo mi piacerebbe che nel GP di Valencia dessimo tutti, ancora una volta, dimostrazione di questa signorilità che ci ha caratterizzato nel corso degli anni”.

“In questo modo – prosegue – , Marc e Valentino, penso che non si debba mai guardare indietro, nemmeno per prendere slancio, perché non porta a nulla. Mi piacerebbe chiedervi di continuare con quell’armonia e quel rispetto che vi ha caratterizzato durante tutta la vostra carriera ricca di successi, nella quale siete stati un idolo l’uno per l’altro. Il rispetto è qualcosa che non dovrebbe mai venir meno e dovrebbe essere un esempio per i milioni di tifosi che amano questo sport”.

Di qui il suo appello ai due fioriclasse delle due ruote. “Probabilmente – osserva Nieto – non so io che posso chiedervelo, ma mi piacerebbe che, con un gesto di grande sportività, vi deste la mano prima della gara e poi… che vinca il migliore! Spero che giovedì questo clima pesante, che non fa bene al motociclismo, si vada rasserenando.
Valencia vi aspetta a braccia aperte, ci sarà un tutto esaurito come mai prima, con decine di migliaia di tifosi che saranno in attesa di vedere un evento straordinario paragonabile alla finale del mondiale di calcio. Sanno che si tratta di uno dei migliori circuiti per gustarsi una gara motociclistica e le tribune saranno piene di tifosi che godono del rombo dei motori”.

Infine l’ex pilota si rivolge ai fan delle due “fazioni”. “Non ho dubbi che voi, tifosi che arriverete a Cheste, dimostrerete ancora una volta che non ci sono appassionati come voi e che darete un grande esempio di sportività – scrive –  per cui potremo festeggiare tutti insieme, a prescindere dal colore di appartenenza, con un atteggiamento simile a quello dei protagonisti del rugby…”.

“Non voglio dimenticarmi né di Jorge [Lorenzo] né di Dani [Pedrosa], che hanno ancora una volta contribuito a rendere più grande il Campionato del Mondo MotoGP con imprese memorabili – conclude – . Mi auguro che vinca il migliore e che tagliato il traguardo si parli solamente di una gara storica che metta un lieto fine a una stagione più emozionante che mai. Un grande abbraccio a tutti, ci vediamo a Valencia”.