MotoGP, Gonzalo Gobert (direttore circuito Valencia): “Non ci saranno tensioni tra tifosi”

Fan di Valentino Rossi
Fan di Valentino Rossi (getty images)

In attesa del Gran Premio di Valencia l’atmosfera si fa sempre più spasmodica, dopo l’appello al Tribunale arbitrale dello Sport di Losanna depositato dai legali di Valentino Rossi, al fine di vedersi ridurre la penalizzazione inflittagli a Sepang. A rendere tutto più teso ci hanno pensato anche ‘Le Iene’, presentatesi a casa Marquez per consegnargli un ironico premio a forma di fallo, ma è dovuta intervenire la polizia catalana…

Tra una settimana al Ricardo Tormo di Valencia ci sarà il pubblico delle grandi occasioni, ma Gonzalo Gobert, direttore del circuito spagnolo, ha ammesso che non teme incidenti tra il pubblico nonostante quanto successo tra Valentino Rossi e Marc Marquez. “Dobbiamo ridurre la tensione”, ha detto all’agenzia EFE. “Il motociclismo non è il calcio. E’ una festa, uno spettacolo di grande portata, ma non è una guerra”, ha detto Gobert.

In occasione della gara dell’anno ci saranno misure di sicurezza straordinarie, anche se pare che i due piloti Yamaha saranno ben distanziati in due box distinti e separati e regna un certo ottimismo circa la situazione sugli spalti. “Non vedo nessuna tensione, ma solo grande interesse da parte del pubblico e tanto entusiasmo”, ha insistito Gonzalo Gobert. “La gara in Malesia è passata e speriamo di assistere ad una sfida leale e pulita”. A presidio dell’autodromo ci saranno 1.500 agenti, nella speranza che sia una giornata di sport e nient’altro…