MotoGP: Codacons appoggia il ricorso al Tas di Valentino Rossi

Valentino Rossi
Valentino Rossi (getty images)

Da qualche ora gira l’indiscrezione secondo cui lo staff di Valentino Rossi avrebbe fatto ricorso al Tas contro la penalizzazione di tre punti inflitta in seguito al contatto con Marc Marquez a Sepang. Una notizia che non è stata confermata dalle parti in causa, ma che il Codacons, già attivo da giorni sul fronte MotoGP, coglie al balzo.

L’associazione dei consumatori ha presentato già una formale denuncia alla Procura di Milano per frode sportiva, con l’aggravante di aver influenzato l’esito di scommesse sportive.

Ma ora torna alla carica e difende a spada tratta il pluricampione iridato Valentino Rossi: “La punizione inflitta per il contatto con Marquez deve essere rivista. Assurdo non punire Marquez e Lorenzo per il comportamento antisportivo – spiega il Codacons -. E’ necessario ripristinare la regolarità del campionato, che altrimenti sarebbe falsata dalla decisione della direzione gara. Tutto il mondo guarderà domenica il gran premio che si correrà a Valencia, è giusto e doveroso fare in modo che lo stesso si svolga permettendo a Valentino Rossi di difendere i 7 punti di vantaggio su Jorge Lorenzo”.

Al momento il team Yamaha ha smentito di aver fatto ricorso al Tas, ma secondo indiscrezioni trapelate da Tavullia, il quartier generale di Valentino, l’iter sarebbe stato avviato. Non resta che attendere l’ufficialità o la smentita.