Yamaha Sport Ride Concept: l’auto che si crede una moto (VIDEO)

Yamaha Sport Ride Concept (Getty Images)
Yamaha Sport Ride Concept (foto da caranddriver.com)

 

Una nuova sportiva ultraleggera (pesa appena 750 kg), di dimensioni compatte, e agile come una moto. Sono questi i segni particolari della Yamaha Sport Ride Concept, di cui ancora non si conosce il sistema propulsivo, presentata dal Costruttore giapponese al Salone di Tokyo 2015.

 

L’evoluzione nel segno delle due ruote

Il Concept Sport Ride rappresenta il secondo esperimento della Yamaha nel mondo delle quattro ruote dopo la city car Motiv, con la differenza che in questo caso l’attenzione alle “misure” (3.900 millimetri di lunghezza, 1.720 mm di larghezza e 1.170 mm d’altezza, in un abitacolo capace di accogliere due persone) si accompagna alla cura dello stile e dei dettagli estetici. Il risultato è una vettura indubbiamente ricca di fascino.

La stessa Yamaha ha definito la Sport Ride un'”auto che si crede una moto”, in virtù del tipo di rapporto conducente-veicolo che è in grado assicurare, soprattutto sul piano del feeling alla guida.

Il concept del costruttore nipponico si basa su un’evoluzione del sistema iStream, rivestito per l’occasione con pannelli in fibra di vetro e sviluppato dall’ex-ingegnere di Formula 1 Gordon Murray.

Resta però ancora un mistero, come accennato, quale tipo di alimentazione trovi posto nel vano motore. Secondo alcuni rumours, la Yamaha ha montato sotto il cofano della Sport Ride Concept Yamaha lo stesso piccolo tre cilindri 1.0 litri da 70-80 CV della Motiv. Nulla di sensazionale in termini di potenza, per carità, ma l’ebbrezza della guida su due ruote è assicurata…