Tony Cairoli: “Valentino, ti capisco. Spero che vincerai il titolo in terra spagnola”

Antonio Cairoli
Antonio Cairoli (getty images)

Valentino Rossi contro Marc Marquez, un duello che continua a far discutere e sul quale si stanno esprimendo sempre più personalità importanti dello sport e anche di altre realtà. E non poteva essere diversamente visto quanto è avvenuto a Sepang in un momento topico del campionato MotoGP tra due dei migliori piloti presenti in pista. La battaglia che ha avuto come epilogo la caduta dello spagnolo e la penalizzazione del Dottore in vista del GP di Valencia non è stata la prima vista nel motociclismo e non sarà neppure l’ultima.

Antonio Cairoli, vincitore di 8 titoli mondiali nella motocross, ai microfoni di MotoSprint ha parlato di quanto avvenuto tra Valentino Rossi e Marc Marquez raccontando che anche a lui è successo qualcosa di simile nel 2005, quando ha rischiato di giocarsi un Mondiale: “Quando sei in lotta per il titolo cerchi di focalizzarti sul tuo avversario principale, che ovviamente è quello con cui ti stai giocando il Mondiale. Quando c’è qualcuno dall’esterno che cerca di giocare sporco e di metterti i bastoni tra le ruote, è molto facile perdere la concentrazione in alcuni casi commettendo anche qualche errore. Si cerca sempre di guardare avanti però”.

A Tony Cairoli successe a metà stagione con un pilota che gli aveva già creato dei problemi, lo aveva centrato alla prima curva dopo la partenza e lui reagì male perdendo la pazienza, scusandosi poi. Colpì letteralmente il suo rivale con un calcio venendo squalificato per il giorno dopo non potendo quindi correre: “Quel giorno è stato difficile per me. Io ero alle prime armi, era solo il secondo anno di Mondiale per me. Ero giovane e dunque era più facile perdere le staffe. Dopo le ripetute situazioni che si erano create con questo pilota successe solo quell’episodio in cui persi la concentrazione reagendo male e sbagliando ovviamente. Gli ho chiesto scusa, ma in quel momento era quello che mi veniva da fare”.

Il grande Tony Cairoli può dunque capire bene quanto successo a Valentino Rossi: “Già dalla settimana prima si erano visti degli screzi e quindi si vedeva che la situazione poteva degenerare da un momento all’altro. Quello che è auguro a Valentino è di provarci al 110% e porti a casa il titolo in terra spagnola, così è ancora meglio”.