MotoGP, Carlo Pernat: “Marquez pilota scorretto, il Mondiale è stato ammazzato”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (getty images)

Stavolta la MotoGP è riuscita spodestare il mondo del calcio, ma non per una vittoria storica, bensì per quel contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez di cui ancora oggi, e a lungo, parla tutto il mondo. Dopo le impressioni a caldo di Carlo Pernat al termine del GP della Malesia, il manager ligure fa le sue considerazioni a freddo e con calma, prevedendo una svolta epocale per questo sport che rischia di veder modificato il proprio Dna.

“Rivedendo tutto quanto a freddo e con calma la cosa che più mi ha colpito è stata la stupidità e cattiveria con la quale Marquez si è comportato con Vale – ha affermato Pernat sul suo profilo Facebook -. Una cosa vergognosa da me mai vista in 36 anni di motomondiale, un pilota che non si gioca il titolo corre contro a chi se lo gioca a prescindere da chi lo vinca. Mi dispiace dirlo ma a partire da ieri considero lo spagnolo un pilota scorretto, cattivo e non buono come io ritenevo fosse. Mi dispiace molto perchè mi era simpatico e vedevo in lui il perfetto erede di Vale sotto tanti punti di vista”.

Ciò non toglie che il campione di Tavullia si sia fatto fregare dal nervosismo, un gesto che però non può macchiare la carriera di un fuoriclasse del suo calibro: “Poi Vale ha fatto la stupidaggine più grossa della sua vita sportiva e la pagherà dal punto di vista sportivo e forse anche un poco di immagine. Comunque state sicuri che Valentino una cosa così non la avrebbe mai fatta. Avrà dato spallate, possiamo parlare di appoggi possiamo discutere di quello che vogliamo – ha aggiunto Carlo Pernat – ma una cosa del genere – ripeto – Vale non se la sarebbe neppure sognata. Comunque il mondiale è stato ammazzato e non so se il futuro, non parlo solo di Valencia, sarà come prima. Onestamente non lo credo per niente”.