MotoGP, Jorge Lorenzo: “Direzione Gara ingiusta, Valentino graziato per il suo nome”

Jorge Lorenzo GP Sepang 2015
Jorge Lorenzo (getty images)

Jorge Lorenzo ha il titolo iridato in pugno dopo la decisione della Direzione di Gara di far partire Valentino Rossi dall’ultima fila al Gran Premio di Valencia. Un provvedimento che il maiorchino della Yamaha ritiene insufficiente, quasi accusando i commissari di voler favorire il pilota di Tavullia. Dichiarazioni che dimostrano la rivalità e l’antipatia tra i due atleti sinora elegantemente sottaciuta.

“Ad essere sincero non credo che sia una buona decisione, perché Marc ha ottenuto zero punti, ma Valentino mantiene i 16 punti”, ha dichiarato nella conferenza stampa post-gara il 28enne pilota spagnolo. “Penso che sia ingiusto e forse ciò avviene a causa del suo nome. Ho visto l’incidente una volta. È incredibile. Ho visto e non ci credevo, fare questo genere di cose non rientra nel mio modo di pensare, mai in vita mia… E’ incredibile che ciò accada”.

La decisione della Direzione di Gara va rispettata, “ma sinceramente non la condivido… Se Marc non ha finito la gara e ha ottenuto zero punti Valentino dovrebbero subire la stessa sanzione”. E Jorge Lorenzo rincara la dose: “Con azioni molto meno aggressive altri piloti hanno ottenuto sanzioni più elevate, ma, come ho detto prima il suo nome è molto importante per il campionato e forse a causa di ciò non ottiene alcuna sanzione sui punti in campionato”.

Lorenzo ha negato di essersi presento in Direzione di Gara quando l’incidente è stato revisionato. Il team Movistar Yamaha ha presentato un ricorso prontamente respinto. A Valencia, fra due settimane, Jorge Lorenzo sfilerà per la vittoria dinanzi ai suoi tifosi. Ma non gli basta. E pensare che Valentino Rossi non ha mai speso parola contro Jorge, nè prima, nè al termine del Gran Premio. Un’atmosfera tesa e vibrante che condizionerà non solo l’ultima gara, ma anche il prossimo Mondiale…