MotoGP, Davide Brivio: “Marquez ha provocato, Valentino ha esagerato”

Davide Brivio team manager Suzuki
Davide Brivio (getty images)

Difficile schierarsi a favore o contro Valentino Rossi, dopo il tanto discusso comportamento sul circuito di Sepang. Del resto difficile non reagire quando si viene provocati in maniera talmente evidente sin dalla gara precedente in Australia, con esplicite avvisaglie già da giovedì in conferenza stampa, che hanno contribuito a rendere l’atmosfera ancora più nervosa.

A fare un obiettivo punto della situazione ci pensa Davide Brivio, team manager della Suzuki e grande amico del pilota di Tavullia, ai microfoni di Sky Sport: “Marquez ha dimostrato che quello che ha detto Valentino su Phillip Island era vero. O comunque, se non era vero oggi aveva deciso che Valentino non dovesse vincere questo Mondiale. La reazione di Valentino può essere stata eccessiva – ha proseguito Davide Brivio – però è stato provocato. Non penso che avesse voluto mettere fuori Marquez, ma il messaggio di Valentino era ‘lasciami fare la mia gara e tu fa la tua’”.

Probabilmente la Direzione Gara avrebbe dovuto intervenire alla vigilia della gara, con una mossa inedita ma saggia, per redarguire entrambi gli atleti, ma ciò non è avvenuto. “E’ stato un week-end tutto di tensione. Forse bisognava parlare con Marquez e Valentino prima della gara, soprattutto dopo la conferenza stampa di giovedì, anche perchè durante le prove sono successe delle cose strane. E’ successo che si sono aspettati, nessuno voleva stare davanti, hanno impiegato un minuto anzichè 30 secondi per fare il settore T3”.

“Ed è stata strana questa gara – ha sottolineato il manager della Suzuki -. Quando Lorenzo passa Marquez fa da tappo e gira un secondo di meno… Io dico che Marquez ha fatto un’azione di disturbo in modo che Valentino non potesse raggiungere Lorenzo, poi la reazione di Valentino chiaramente è eccessiva. Quando sei lì in gara e vedi l’avversario del Mondiale che sta andando via, vedi il Mondiale sfuggire… non sapeva cosa fare”.