MotoGP: nella nebbia di Sepang uno spiraglio per Valentino Rossi

(Getty Images)
(Getty Images)

 

Una nebbia così fitta che neppure il sole riesce ad attraversare. E’ questa la prima impressione appena si atterra all’aeroporto di Sepang, in Malesia, teatro il prossimo fine settimana del penultimo round del campionato Mondiale MotoGP. Colpa dell’inquinamento atmosferico, certo, ma anche – o meglio soprattutto – degli incendi appiccati dagli agricoltori nella vicina Indonesia, concentrati nelle zone di Sumatra e Kalimantan. A quelle latitudini, infatti, i contadini usano ancora la tecnica rudimentale di bruciare le piantagioni di palma da olio per rendere i terreni più fertili.

 

Aspettando la schiarita

A causa della nube tossica che avvolge l’arcipelago malese e sia a Kuala Lumpur che a Putrajaya (città non lontana da Sepang, dove alloggiano molti piloti del Motomondiale) in questi giorni è stata anche decisa la chiusura delle scuole: il livello dell’inquinamento dell’aria ha ormai superato il livello di guardia, e il rischio di crisi respiratorie è quanto mai elevato.

La stagione siccitosa, dal canto suo, non fa che peggiorare la situazione: secondo quanto riferisce Greenpeace, l’indice di inquinamento dell’aria (Polluttant Standard Index) è balzato da 75 a 401 punti in meno di una settimana. Secondo alcuni esperti e addetti ai lavori, la fitta coltre di fumo non si dissolverà prima dell’inizio dell’anno venturo.

Va da sé che il problema si ripercuote anche sulla MotoGP, e al circuito di Sepang c’è già chi ha preso precauzioni per ovviare al problema – o quanto meno limitarne gli effetti. Gli uomini del team di Valentino Rossi, in particolare, si sono dotati delle classiche “mascherine” che si vedono anche per le strade di Kuala Lumpur.

In queste ore il vento sta schiarendo leggermente l’aria e, secondo le previsioni, nelle giornate di venerdì e sabato dovrebbe arrivare la pioggia a diradare la nebbia. Se da un lato i piloti dovranno continuare a fare i conti con il caldo e l’umidità, dunque, la situazione in vista della gara di domenica dovrebbe migliorare. E in caso di weekend bagnato, il primo a beneficiarne potrebbe essere il leader del Campionato Valentino Rossi…