FCA: fibre di canapa e scarti alimentari per gli interni auto

Logo Fiat Chrysler Automobiles FCA
Logo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) – Getty Images

Il Centro Ricerche Fiat-Chrysler (CRFC) ha rivelato che alcuni componenti della Alfa Romeo, come la traversa della plancia e i pannelli porta, sono realizzati con fibre di canapa tessile. Queste fibre consentono di rinforzare i materiali plastici e renderli più resistenti. La nota azienda automobilistica sta studiando anche la possibilità di utilizzare gli scarti della lavorazione della carta per produrre fibra di carbonio, ciò permetterebbe di rendere più accessibile economicamente l’utilizzo di questo materiale nella produzione di massa.

Silvia Avanteo, Enviromental Senior Specialist del CRF, in occasione del convegno ‘Gli scarti alimentari come materia prima del futuro: un viaggio dalla ristorazione all’automotive’, organizzato a Expo 2015 a Milano ha spiegato quanto segue nel corso di un’intervista concessa all’agenzia Ansa: “Sui veicoli di attuale produzione non vi sono ancora applicazioni dagli scarti alimentari, il nostro obiettivo è realizzarne su quelli di domani. I progetti in corso prevedono la valorizzazione degli scarti che vengono lavorati, essiccati e macinati per dare origine a fibre medio brevi da additivare a biopolimeri di vario genere da applicare alle componenti dell’auto per arricchire i materiali e renderli più performanti. Per esempio il tutolo del mais, le rimanenze delle spremiture delle olive o del vino, le bucce degli agrumi, potrebbero diventare la base per i componenti polimerici che avremo sulle auto di domani e che potremo vedere su elementi di finizione interna, nella plancia, nei pannelli porta”.

FCA punta molto anche sugli scarti alimentari dunque. Materiali che molti sottovalutano, ma che in realtà possono essere riutilizzati in maniera proficua. E’ giusto investire in questo tipo di ricerche e di studi. Anche le aziende concorrenti stanno esplorando da un po’ tempo questa nuova frontiera, che porterà a nuove interessanti scoperte. FCA non intende restare indietro.