Michael Schumacher: finora spesi oltre 13 milioni per le cure

Michael Schumacher
Michael Schumacher (getty images)

Ultimamente si parla poco di Michael Schumacher, sottoposto a cure continue nella sua villa svizzera di Gland, trasformata in una sorta di clinica dopo il terribile incidente sulla pista di sci avvenuto a Meribel (Francia) il 29 dicembre 2013. Lo segue una equipe medica composta da circa 15 specialisti. Dopo il primo ricovero nell’ospedale di Grenoble e il successivo periodo nella clinica di Losanna, è stata presa la decisione di proseguire la riabilitazione in un ambiente familiare anche per tenere l’ex pilota lontano da occhi indiscreti.

Le ultime dichiarazioni ufficiali sulle condizioni di Michael Schumacher risalgono a maggio, quando la portavoce Sabine Kehm fece sapere che c’erano dei leggeri ma continui miglioramenti. Da allora più nulla. Si sono alternate diverse indiscrezioni, dalle più ottimistiche a quelle più pessimistiche. Ma di notizie di carattere ufficiale non ne sono emerse negli ultimi tempi.

Intanto da ChristianToday.com si apprende che la riabilitazione del tedesco sta costando molti soldi. Si parla di circa 154 mila dollari (quasi 136 mila euro) a settimana. Ad oggi la famiglia Schumacher avrebbe speso oltre 15 milioni di dollari (poco più di 13 milioni di euro) per le cure del loro amato caro. Il patrimonio dell’ex driver della Ferrari è stimato in circa 800 milioni di dollari (706 milioni di euro) e pertanto sotto l’aspetto economico non ci dovrebbero essere problemi, almeno per un po’. La moglie nel frattempo ha venduto il jet privato ed una villa per un totale che si aggira attorno ai 25 milioni. Ovviamente ci si attendono dei progressi, anche perché non sarà possibile andare avanti all’infinito con queste cure speciali e costose, dure anche da sostenere a livello fisico per un Michael Schumacher che secondo alcune voci peserebbe all’incirca 45 chilogrammi. Speriamo che presto possa tornare ad una vita più regolare possibile, anche se servirà tempo. Forza Schumi, siamo con te. Non mollare, campione.