Phillip Island, Jorge Lorenzo: “Grazie Andrea Iannone, non ha aiutato Valentino Rossi”

Jorge Lorenzo MotoGP Phillip Island 2015
Jorge Lorenzo (getty images)

Quando Jorge Lorenzo stava per conquistare il settimo successo stagionale sul circuito di Phillip Island arriva la beffa: Marc Marquez lo supera nel finale e va a prendersi la vittoria, mentre il pilota Yamaha agguanta un secondo posto che vale oro in termini di classifica, grazie ad Andrea Iannone che tiene dietro Valentino Rossi. A due gare dalla fine del Mondiale (Sepang e Valencia) tra i due piloti del team di Iwata c’è un gap di appena 11 punti e ora tutto può succedere.

Di certo abbiamo assistito alla gara più spettacolare di questa stagione, con continui sorpassi fra i quattro piloti al vertice della classifica. Jorge Lorenzo ha guidato il GP d’Australia quasi dal primo all’ultimo giro, per poi essere sorpassato nel finale dal connazionale della Honda. Ma ha guadagnato 7 punti nella corsa al titolo iridato, in attesa della prossima gara a Sepang fra meno di una settimana, dove probabilmente si decideranno le sorti del campionato.

“Questa posizione era in realtà quello che mi aspettavo prima della gara perché Marc è stato il più veloce sia il venerdì che il sabato”, ha ammesso il pilota spagnolo della Movistar Yamaha. “Anche nel warm-up ha brillato con il miglior tempo. Mi aspettavo che sarebbe stato un po’ più veloce in gara… Marc mi ha sconfitto nell’ultimo giro. Ma ha messo a segno un giro straordinario, ha guidato 1.1 secondi più veloce di me. A causa dei miei problemi nelle curve lente non riuscivo a tenere il vantaggio di cui avevo bisogno per vincere”.

Adesso la sfida con Valentino Rossi prosegue in Malesia fra cinque giorni… “La missione che ci eravamo prefissati per l’Australia l’abbiamo centrata”, ha aggiunto Jorge Lorenzo. “Quando ho visto che Valentino era terzo ero ancora più deluso, ma quando ho visto che è passato Iannone è andata meglio. Guadagnare 7 punti è meglio di 4… Andrea ha fatto un week end spettacolare e pur essendo italiano non ha aiutato Rossi”.