MotoGP Phillip Island, Marc Marquez: “Che duelli con Lorenzo e Rossi!”

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

Marc Marquez si è aggiudicato il Gran Premio d’Australia disputato a Phillip Island al termine di una gara davvero emozionante e ricca di colpi di scena. Un successo che ai fini della classifica iridata allo spagnolo serve solamente per consolidare la sua terza posizione e ad aumentare i rimpianti per le troppe cadute che gli hanno precluso la possibilità di lottare per il titolo mondiale con Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Comunque è ancora molto giovane e questa stagione gli serve da lezione per il futuro, senza scordare che in tasca ha già due titoli MotoGP vinti nelle due prime stagioni nella classe regina del Motomondiale.

 

Phillip Island: le dichiarazioni di Marc Marquez

Il fenomeno della Honda al termine della corsa non può che essere soddisfatto per il risultato ottenuto dopo una battaglia a quattro nella quale non era affatto facile prevalere in virtù del valore dei piloti protagonisti: “All’inizio è stato difficile soprattutto trovare il feeling con l’anteriore – riporta crash.net -, ma poi ho cercato di prendere Jorge e di sorpassarlo spingendo molto , però ho visto che il pneumatico anteriore si muoveva molto con questa temperatura e ho cercato di gestirlo fino alla fine, ma ho avuto alcuni momenti in cui era difficile farlo quando provavo a spingere un po’ di più. Iannone e Rossi mi hanno superato ed è stata dura”.

Marc Marquez prosegue il racconto della sua gara spiegando che non si aspettava di farcela a vincere, ma che è stato bravo a crederci e pertanto la gioia è molta: “Onestamente non credevo che sarei arrivato a Jorge ma ho spinto la mia moto al 100 per cento all’ultimo giro e alla fine è stata una grande vittoria per me, per il team, per la Honda e per tutti, perché dopo una stagione difficile è bello per essere al top”. Una gara ricca di duelli: “Ci sono stati tanti duelli, alla curva 10 con Valentino siamo arrivati forte, ci siamo toccati e siamo stati sul punto di cadere, poi anche alla fine contro Lorenzo è stato bello.

L’ultimo giro è stato al cardiopalma e lo spagnolo lo ricorda così: “E ‘stato come un giro di prove ufficiali e quando ho preso Andrea alla prima curva poi ho spinto al 100%, soprattutto nel T4 ho frenato davvero profondo e ho preso un sacco di metri su Jorge,. Ho spinto e spinto e spinto e quando ero dietro di lui molto vicino, ho detto ‘OK, ci proverò ma solo se vedo lo spazio chiaramente’, e ho liberato i freni. Sono stato felice quando ho attraversato la linea del traguardo per primo”.