Titanic, la nave gemella salperà nel 2018

Titanic
Titanic (Getty Images)

Qualche sera fa il film Titanic, nonostante sia risalente ormai al 1997, ha tenuto milioni di italiani incollati al televisore. La pellicola dedicata al tragico affondamento del transatlantico britannico avvenuto nel 1912 riscuote sempre un certo successo e tutte le volte pone degli interrogativi sulle cause dell’incidente e su come si sarebbe potuto evitare il fatale scontro con l’enorme iceberg. Una storia che affascina tutt’oggi.

Quello che pochi sanno è che il Titanic tra non molto potrebbe tornare in vita. Sì, avete letto bene. Nel 2018 una replica più moderna chiamata Titanic II salperà da Jiansu (Cina) e approderà a Dubai (Emirati Arabi Uniti) attraversando dunque l’Oceano Indiano. Originariamente era previsto che l’imbarcazione effettuasse lo stesso tragitto previsto oltre cento anni fa, ovvero da Southampton a a New York, e che lo facesse già nel 2016. Invece i piani sembrano essere cambiati. Però c’è ancora incertezza sulla rotta, quindi notizie definitive non si possono ancora fornire. Toccherà aspettare.

Si tratta comunque di un’operazione economica imponente da circa 500 milioni di dollari, voluta dal multi milionario ed imprenditore minerario australiano Clive Palmer. Il magnate nel 2013 ha annunciato questo progetto ed ha commissionato la costruzione del Titanic II ad una azienda di proprietà dello Stato cinese, la CSC Jinling, con l’intendo di mantenere il più possibile la verosimiglianza con il transatlantico originale. Ovviamente la nuova imbarcazione sarà dotata delle più moderne tecnologie per quanto riguarda sicurezza e affidabilità. Sarà una nave lussuosa con aria condizionata e tutte le comodità moderne, ma l’ambiente dovrebbe essere quello classico di inizio ‘900.

Lo scopo è anche quello di onorare le vittime di quel terribile 15 aprile 1912, che furono oltre 1.500. L’elevata perdita di vite umane fu provocata anche dalla mancanza di scialuppe di salvataggio sufficienti per portare in salvo tutti i passeggeri. Sul Titanic II questo problema non si presenterà dato che è stato già garantito che non si ripeterà l’errore del passato. L’idea di rivederlo salpare l’oceano è sicuramente affascinante e non ci rimane che attendere.